giovedì, 24 aprile 15℃

Lombardo fuori dal Senato, ma il Pds ha due senatori e un deputato

Grazie al "diritto di tribuna" salgono al Senato Antonio Scavone ex manager dell'Asp e Pippo Compagnone sindaco di Grammichele, alla Camera Angelo Attaguile ex presidente del Catania Calcio, negli anni Novanta

Redazione26 febbraio 2013

Male anzi malissimo le elezioni al Senato per Raffaele Lombardo, leader del Pds-Mpa, che raggiunge un misero 2% e pertanto non sarà eletto al Senato dove si candidava come capolista del suo partito.

"Non abbiamo raggiunto il 3%. E' sotto gli occhi di tutti. Non c'e' il rammarico di aver perso per pochi voti, ne avremo presi all'incirca 48 mila. Un risultato negativo legato a mille cose che saranno oggetto di riflessione e di approfondimento nei prossimi giorni, ma soprattutto legato a una legge elettorale che non ci ha aiutato".

Eppure grazie al “diritto di tribuna”, che permette al Pds di eleggere nelle liste del Pdl due senatori e un deputato, salgono al Senato Antonio Scavone ex manager dell’Asp e Pippo Compagnone sindaco di Grammichele, alla Camera Angelo Attaguile ex presidente del Catania Calcio, negli anni Novanta.

Annuncio promozionale

"Sarò socio sostenitore del Pds, darò il massimo senza risparmiarmi. Riconquisteremo posizioni forti perché sul territorio siamo ben radicati. Abbiamo commesso tanti errori e ci auguriamo che il clima cambi perché il nostro progetto si salvi e vada avanti. Certamente darò il mio contributo e sostegno non al cento ma al 150%".

Raffaele Lombardo
elezioni
partiti
risultati

Commenti