La lettera ai dipendenti dell'ex dirigente: "Non prestate il fianco ai guadagni illegittimi"

L'ingegnere Bisignani prima di abbandonare l'incarico ha scritto una missiva ai dipendenti con alcuni passaggi significativi per un settore così delicato

Una missiva particolarmente "curiosa" inviata dall'ingegnere Biagio Bisignani ai dipendenti dell'Urbanistica. Come abbiamo già raccontato dopo la mannaia del Cofsel che non ha concesso al Comune di prorogare i contratti a tempo determinato dei dirigenti sono stati parecchi quelli che hanno dovuto "abbandonare" il posto a Palazzo degli Elefanti.

Bisignani quindi ha scritto un saluto ai suoi "ragazzi", così come li chiama nella missiva con regolare numero di protocollo, raccomandando loro di non farsi "ricattare dai colleghi" e di non "prestare il fianco a facili guadagni  illegittimi".

WhatsApp Image 2019-10-02 at 15.14.40-2

Passaggi parecchio significativi specie in un settore così delicato e che ha lavorato per il nuovo piano regolatore. A rendere pubblica la missiva è stato il Movimento Cinque Stelle che l'ha definita "curiosa, al limite del ridicolo".

"Cosa vuole farci intendere? - chiede il gruppo dei pentastellati - A chi si riferisce? Ci piacerebbe capire se il professore è a conoscenza di "presunti peccati" veniali commessi da qualche giovane spavaldo e se ha denunciato alle autorità competenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Perché, se ha le prove, la letterina con le raccomandazioni è una mera presa in giro, che potrebbe offendere e urtare la sensibilità dei "ragazzi" che forse, da decenni, lottano quotidianamente per imporre un modello virtuoso e trasparente all'interno dell'amministrazione. Insomma, fare di tutta un'erba un fascio non ha senso. Denunciare alle autorità competenti è un ottimo esempio per educare questi "ragazzi"!", conclude la nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e i furti in abitazioni: undici le persone arrestate

  • Musumeci firma la nuova ordinanza, in Sicilia mascherine obbligatorie

  • Scattano le prime multe da 400 euro per mancanza di mascherina

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Coronavirus, anche oggi nessun decesso: a Catania zero nuovi contagi

  • Ikea, lo store di Catania pronto a riaccogliere i visitatori: ecco come

Torna su
CataniaToday è in caricamento