Lombardo e la sua "ultima volontà": nominare il nuovo commissario

Dopo le dimissioni di Giuseppe Castiglione che ha abbandonato l'incarico di Presidente della Provincia per candidarsi alle politiche, il governatore uscente fa il nome di Luciana Giammanco

In occasione dell'ultima udienza Iblis aveva detto, scherzando con i giornalisti, che ormai non era più nessuno, "sono diventato un semplice cittadino". Ma, senza scherzare, sarà difficile per Raffaele Lombardo dimenticare la carica che ha finora ricoperto. Fa, infatti, fatica a non compiere atti da governatore.

L'ultimo che si vuole concedere, tra l'altro nella sua città del cuore, è quello di nominare il commissario della Provincia, dopo le dimissioni di Giuseppe Castiglione, che ha abbandonato l'incarico per candidarsi alle politiche.

Nonostante l'insediamento del nuovo presidente della Regione, Rosario Crocetta, la nomina la vuole fare lui. Tra i "nominabili" compare la dirigente generale Luciana Giammanco.
 
Per avviare le procedure prima che arrivi il suo successore, è necessaria una nota della Provincia etnea che certifichi l'addio di Castiglione. Il fax è, così, arrivato. Lombardo ha voluto incontrare d'urgenza l'assessore Nicola Vernuccio a Palazzo d'Orleans.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vertice a Catania sul Coronavirus: chi ha sintomi non vada in ospedale

  • Operazione Thor, 23 omicidi di mafia commessi in 20 anni: 23 arresti

  • Giuseppe Torre, torturato e bruciato vivo: dopo 28 anni fatta luce sulla morte di un innocente

  • Mafia, omicidi e lupara bianca: i nomi degli arrestati

  • Musumeci convoca nuovo vertice sul Coronavirus: in arrivo misure precauzionali

  • Coronavirus, Musumeci: "Scuole chiuse solo a Palermo. Sicilia non è zona rossa né gialla"

Torna su
CataniaToday è in caricamento