Musumeci "accoglie" la Lega nella giunta regionale: pronto l'assessorato

Tantissime le reazioni: ai leghisti toccherà la poltrona dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana

E alla fine il matrimonio si è fatto. Nello Musumeci e Stefano Candiani sono i testimoni di nozze: lo sposalizio tra la Lega e la Regione Siciliana s'ha da fare. Per la prima volta nella storia politica siciliana un esponente leghista avrà un ruolo di primo piano nella giunta regionale isolana e si tratta della casella più a sud d'Italia che gli uomini del Carroccio andranno ad occupare.

Non c'era da stupirsi perché i continui incontri tra il senatore leghista Candiani e il presidente Musumeci avevano prospettato questa ipotesi specie alla luce della costituzione di un gruppo della Lega all'Ars che però, proprio nei giorni scorsi, ha fatto registrare l'addio dell'etneo Bulla e anche la deputata Caronia ha manifestato qualche "mal di pancia". Se prima la Lega aveva chiesto l'Agricoltura, con Orazio Ragusa in pole position, poi si è dovuta "accontentare" (anche alla luce della perdita di un deputato) dell'assessorato vacante dalla tragica scomparsa del compianto Sebastiano Tusa ossia Beni Culturali e Identità Siciliana.

Tante le reazioni delle opposizioni che hanno fatto registrare "indignazione" e "sconcerto". Un commento è arrivato anche dall'ex sindaco di Catania Enzo Bianco, protagonista con Musumeci della "primavera etnea" e da sempre in buoni rapporti con l'attuale presidente della Regione.

"Questa proprio non la capisco! - ha scritto Bianco -  Anzi è di una gravità inaudita!  Hanno reso noto, al termine di un summit della maggioranza che “regge” la Regione Siciliana, che la Lega di Matteo Salvini entra nella giunta Musumeci e prenderà l’Assessorato alla Cultura, ai Beni Culturali, allla Identità siciliana! Non è una battuta! La Lega poteva entrare in Giunta, caro Nello Musumeci, ma non la Cultura! L’identità culturale ad un partito che sino a ieri (ed anche oggi!) ha manifestato pregiudizi e disprezzo per la nostra storia!".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche il Movimento Cinque Stelle ha emanato un duro comunicato stampa: "Mentre la Sicilia brucia vergognoso pensare alle poltrone e agli strapuntini". Ancora il nome del futuro assessore non è stato reso noto: nella lista dei papabili, oltre i deputati all'Ars leghisti, ci potrebbero essere l'assessore etneo Fabio Cantarella o il sindaco di Furci Siculo Matteo Francilia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Acqua: quando berla per dimagrire

  • Via Capo Passero, agguato a un 33enne gambizzato davanti casa

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

  • Svaligiano casa dei futuri sposi: denunciati i vicini

  • Picanello, scoperto deposito per il riciclaggio di auto rubate: 4 arresti

  • Ritrovato al Maas lo squalo Mako: denunciato il commerciante

Torna su
CataniaToday è in caricamento