Salvini: "Qualche anno fa per me inimmaginabile venire a Motta con la piazza piena"

Il ministro dell'Interno continua il suo tour siciliano. Oggi a Motta Sant'Anastasia a sostegno del candidato sindaco Carrà

Il leader della Lega Matteo Salvini fa un bagno di folla anche a Motta Sant'Anastasia. In occasione del voto delle comunali di domenica il ministro dell'interno sta facendo un tour dei comuni dove il suo partito esprime liste e candidati. Nel caso di Motta c'è proprio Anastasio Carrà, già sindaco a caccia della riconferma, che corre sotto l'insegna del carroccio.

Video | Il comizio di Salvini

Tante le persone in fila per un selfie, una stretta di mano e poi ad ascoltare l'intervento di Salvini che è rimasto colpito dall'ondata isolana d'affetto.

"Sono molto contento - ha detto Salvini - e pensare di essere qui a Motta, un venerdì mattina, in piazza con tutta questa gente sarebbe stato inimmaginabile sia per me sia per voi. Ma mi sono detto perché tenere il buon governo e i sindaci della Lega solo in Lombardia, Veneto e Piemonte? E sono orgoglioso di averlo fatto guardando al futuro perché gli italiani e i siciliani stanno dando grande fiducia alla Lega".

Poi Salvini ha parlato dei suoi "cavalli di battaglia": immigrazione, sicurezza e lotta "contro i radical chic".

"Non pensavo di incontrare in  48 ore - ha detto dal palco - migliaia di siciliani così affettuosi e orgogliosi della loro terra e orgogliosi di essere italiani. Sono contento di aver sentito un sindaco, quello di Motta, che parla di quello che fa un sindaco. Penso al sindaco di Palermo o a quello di Napoli che invece di occuparsi di scuole, strade e giardinetti si preparano ad accogliere flotte di immigrati nel Mediterraneo".

Dopo l'endorsment a Carrà il leader leghista ha anche attaccato il presentatore Fabio Fazio: "Non ci si arricchisce di certo facendo il sindaco di Motta, per arricchirsi bisogna fare i  Fazio in Rai che guadagna milioni. In un mese guadagna quello che un ministro guadagna in un anno: gli lascio i suoi milioni e mi tengo i processi che ho rischiato e rischierò".

Infatti Salvini parla dei processi, alcuni partiti proprio per i fatti accaduti in Sicilia, dicendo che "c'è qualche giudice che pensa che bloccare barconi e che difendere i confiini sia reato: io continuerò a farlo, possono processarmi e io continuerò a farlo" e snocciola i numeri degli sbarchi che sono diminuiti: "L'anno scorso sono sbarcate 10mila persone, a oggi siamo fermi a quota 600".

La piazza applaude a più riprese il ministro che parla di decreto sicurezza e quota 100, interagendo anche con i cittadini presenti e promettendo sempre più impegno per la sicurezza e l'aumento del numero delle forze dell'ordine.

Poi le immancabili dirette sulla pagina facebook e le "testimonianze" fotografiche postate sui social della visita mottese, come da rito strettamente salviniano, con la regia dello stratega Luca Morisi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arresti a raffica della squadra mobile etnea

  • Dimentica il figlio in auto alla Cittadella, muore bimbo di 2 anni

  • 8 cibi che non dovrebbero essere dati ai bambini

  • Traffico di droga, nel mirino i clan Cappello-Bonaccorsi e Cursoti Milanesi: 40 arresti

  • Incidente stradale, auto si ribalta in tangenziale: conducente bloccato all'interno

  • Traffico di droga pilotato dai clan, 40 arresti: i nomi

Torna su
CataniaToday è in caricamento