Sequestro Aquarius, Cantarella attacca Medici Senza Frontiere

L'affondo del referente della Lega: "E' opportuno ristabilire regole e controlli seri a garanzia della legalità nel nostro Paese”

“Dall’indagine della Guardia di Finanza di Catania, coordinata dai magistrati della Procura etnea, scopriamo che la nave Aquarius, se il reato sarà accertato, oltre a “scaricare” immigrati, scaricava anche rifiuti sanitari infetti”. Ad affermarlo è Fabio Cantarella, coordinatore regionale Enti locali della Lega e assessore a Sicurezza e Ambiente del Comune di Catania.

“Dovrebbero cambiare gli slogan sui social – continua – da #restiamoumani a #restiamoinquinati. Si tratta di un fatto gravissimo che mette a rischio salute dei cittadini e ambiente anche della nostra Sicilia, inquinando i porti di Catania, Messina, Trapani, Augusta e Pozzallo”. “Ancora una volta – conclude Cantarella - abbiamo ragione noi della Lega a ribadire come sul tema dell’immigrazione e sull’operato di molte ong è opportuno ristabilire regole e controlli seri a garanzia della legalità nel nostro Paese”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Detenuto evade a Caltagirone durante sosta in Autogrill: ricerche in corso

  • Cronaca

    "Capuana è sicuro della sua innocenza, c'è un attacco mediatico contro di lui"

  • Cronaca

    Enjoy lascia Catania: troppe auto distrutte, Pogliese: "Grande amarezza"

  • Cronaca

    Car sharing, Enjoy lascia Catania, la nota di Eni

I più letti della settimana

  • Costringe la moglie ad abusare del figlio ed avere rapporti con estranei: arrestato

  • Via Plebiscito, sanzioni per i locali "Antico Corso" e "Dal Tenerissimo"

  • Una organizzazione "svizzera" per il commando delle spaccate: bottino di oltre 174 mila euro

  • Enjoy lascia Catania: troppe auto distrutte, Pogliese: "Grande amarezza"

  • Concorso truccato all'università di Catania: condannata la commissione per abuso d'ufficio

  • La miglior pizza al mondo? E' catanese e porta la firma di Luciano Carciotto

Torna su
CataniaToday è in caricamento