Sfida interna a Forza Italia: gli equilibri si "pesano" anche a Catania

Castiglione, Firrarello, La Via, Lombardo, Pistorio e molti altri big catanesi si stanno spendendo a sostegno o di Milazzo o di Romano

Dopo la fuoriuscita di Salvo Pogliese, Basilio Catonoso e del loro gruppo - composto da diversi amministratori locali - è guerra totale all'interno di Forza Italia. Da una parte c'è l'ala, di provenienza Udc e di stretta fede cuffariana, con Saverio Romano e dall'altra quella di fede miccicheiana con Giuseppe Milazzo.

Sin qui sembrerebbe una dinamica - e una "guerra" - tutta palermitana. Ma, visto il campo libero lasciato a Catania dall'uscita di Pogliese e dei suoi e la mancanza di un candidato del territorio con la "bocciatura" di Giovanni La Via, ci sono immense praterie di voti che i candidati palermitani intendono sfruttare per portare acqua al loro mulino.

La sfida interna ai forzisti tra Milazzo e Romano vede anche il ricollocamento di molti big catanesi che, per calcolo e per strategia, si stanno schierando. Con Milazzo - come si vede anche in un video rilanciato da BlogSicilia durante un incontro elettorale tenutosi proprio a Catania - ci sarebbero anche Castiglione e Firrarello. Questi ultimi pare che "divideranno" il loro appoggio ai due contendenti, nonostante l'appello dello stesso Milazzo che ha detto: "Chi vota Romano è per "ammazzare" Micciché e la partita ce la giochiamo a Catania".

Micciché che è stato colui che ha creato le condizioni per il ritorno degli esponenti politici di Bronte dopo la militanza in Ncd e il governo con il Pd. Quindi i politici brontesi si troverebbero in mezzo al guado tra i due candidati. A sostenere Milazzo vi è lo stato maggiore di Forza Italia in terra catanese come Falcone e Papale. Su Romano hanno virato invece, dopo la rottura dell'accordo con Fratelli d'Italia, gli autonomisti di fede lombardiana.

La sfida si gioca anche per i primi dei non eletti. All'Ars scalpita Totò Lentini che subentrerebbe a Milazzo e anche in questo caso in molti si stanno mobilitando per far votare il candidato sostenuto da Micciché.

I tre consiglieri del neonato gruppo catanese #insiemesipuò hanno scelto Milazzo. Come dichiara Salvo Di Salvo: "Abbiamo chiesto insieme ai numerosi nostri amici all'onorevole Milazzo un impegno per la nostra Catania, dobbiamo superare le logiche dei partiti ma bisogna insieme aiutare la città ad uscire da questa terribile crisi finanziaria da Palermo, da Roma ma anche da Bruxelles. Ci affidiamo al buon senso di un deputato giovane e competente".

Altri si muovono sotto traccia, come Sicilia Futura. Oltre il voto europeo c'è da portare avanti anche il progetto, più volte invocato anche da Micciché, di una "casa dei moderati" allargata. Dopo il 26 maggio se ne saprà di più.

Potrebbe interessarti

  • Cellulari: alcune funzioni segrete

  • Estate: ogni quanto cambiare lenzuola ed asciugamani

  • Gelato: i gusti che fanno ingrassare meno

  • Smartphone Huawei: cosa cambia dal 19 agosto

I più letti della settimana

  • Operazione "Isola Bella", i nomi degli arrestati

  • Trovato morto Marco Avolio, era tra gli storici gioiellieri di Catania

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, un morto e tre feriti

  • Giuseppe Guglielmino, il "re Mida" dei Cappello: confiscato tesoro da 12 milioni

  • Incidente stradale a Sant'Agata Li Battiati, auto perde il controllo e si ribalta

  • Incidente sulla A19, coinvolta una moto: interviene elisoccorso

Torna su
CataniaToday è in caricamento