Waterfront, i 5 Stelle scrivono a Pogliese: "No a nuovi palazzi"

Per il Movimento 5 Stelle "va impedita la costruzione di volumetrie in altezza"

Riqualificare il Waterfront per restituire alla nostra città una delle sue parti di maggior pregio per iniziative culturali, turistiche e ambientali. E’ uno degli obiettivi delle Direttive generali del nuovo piano regolatore. "Un progetto encomiabile - commentano gli esponenti del Movimento 5 Stelle del comune di Catania -  purché non consenta ulteriori cementificazioni e costruzioni in altezza. L’equilibrio territoriale, inteso come rapporto ottimale tra sistema naturalistico e antropico, va salvaguardato, insieme al patrimonio ambientale, culturale e paesaggistico. Le aree del fronte mare vanno valorizzate, riqualificate e riconvertite a nuovi usi, ma va impedita la costruzione di volumetrie in altezza".

Il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle ha presentato una richiesta  indirizzata al Sindaco Salvo Pogliese e sottoscritto anche da numerosi consiglieri di maggioranza e opposizione. “Se da una parte le Direttive generali hanno previsto tutela dell’ambiente e consumo del suolo tendente allo zero, dall’altra abbiamo anche letto la possibilità di costruzione di un parco lineare con volumetrie da svilupparsi in altezza nel cosiddetto Waterfront, da realizzarsi quando verrà interrata la ferrovia” precisa la capogruppo del Movimento 5 Stelle Lidia Adorno, prima firmataria dell’odg. “E’ per questo - aggiunge - che abbiamo presentato l’odg che impegna il sindaco a non costruire lungo il tratto adiacente al mare.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta meteo rossa a Catania, scuole chiuse martedì 12 novembre

  • Ferlito, il figlio del boss "perdente" e la 'Ndrangheta: "Il porto di Catania non è buono"

  • Fungo porcino record trovato alle pendici dell'Etna: 4,3 chili

  • Estorsione al titolare di un camion dei panini: cinque arrestati

  • Meteo: in arrivo piogge e raffiche di vento su Catania

  • Allerta meteo arancione, scuole chiuse ad Acireale

Torna su
CataniaToday è in caricamento