Petardi e cori contro le forze dell'ordine: multa salata inflitta al Catania

Nel corso del match disputato contro la Reggina alcuni ordigni sono stati lanciati dagli spalti dei sostenitori rossazzurri. Il club etneo paga adesso le conseguenze: 5 mila euro la cifra da sborsare

Prima i petardi. Poi i cori contro la polizia. Catania Reggina, finita 2-1 sul campo, lascia alcuni strascichi anche per quanto successo sugli spalti durante lo svolgimento del match. La protesta ordita dal tifo organizzato, con tanto di striscione esposto sugli spalti, sarebbe da attribuire ad alcune diffide che sarebbero scattate nei giorni scorsi nei confronti del movimento ultra catanese.

Questo il comunicato ufficiale diramato dal giudice sportivo della Lega in merito al provvedimento disciplinare nei confronti del Catania: "Perché propri sostenitori introducevano e facevano esplodere cinque petardi nel recinto di gioco; i medesimi introducevano e accendevano alcuni fumogeni uno dei quali veniva lanciato nel recinto di gioco, il tutto senza conseguenze; perché propri sostenitori intonavano vari cori offensivi verso le forze dell'ordine"

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    San Giorgio, nasconde dietro il frigo oltre 700 euro di droga: arrestato

  • Cronaca

    Uccise un suo paziente con un colpo di fucile: condannato psicologo

  • Cronaca

    StMicroelectronics, Uilm: "Scarafaggi in mensa e nei cestini del pane"

  • Cronaca

    Rifiuti, primo giorno in emergenza per Dusty: ancora cassonetti pieni

I più letti della settimana

  • Assaltano un supermercato e fuggono in Smart, presi in tre

  • Piazza Europa, identificato il corpo trovato in mare: è il 51enne Antonio Sabella

  • Papa Francesco arriva a Catania: inizia il viaggio del pontefice

  • Lungomare, recuperato il cadavere di un uomo in mare

  • Lunghe code nelle vie d'accesso a Catania: due incidenti

  • Previsioni meteo, in arrivo il maltempo: emanata l'allerta 'gialla'

Torna su
CataniaToday è in caricamento