Petardi e cori contro le forze dell'ordine: multa salata inflitta al Catania

Nel corso del match disputato contro la Reggina alcuni ordigni sono stati lanciati dagli spalti dei sostenitori rossazzurri. Il club etneo paga adesso le conseguenze: 5 mila euro la cifra da sborsare

Prima i petardi. Poi i cori contro la polizia. Catania Reggina, finita 2-1 sul campo, lascia alcuni strascichi anche per quanto successo sugli spalti durante lo svolgimento del match. La protesta ordita dal tifo organizzato, con tanto di striscione esposto sugli spalti, sarebbe da attribuire ad alcune diffide che sarebbero scattate nei giorni scorsi nei confronti del movimento ultra catanese.

Questo il comunicato ufficiale diramato dal giudice sportivo della Lega in merito al provvedimento disciplinare nei confronti del Catania: "Perché propri sostenitori introducevano e facevano esplodere cinque petardi nel recinto di gioco; i medesimi introducevano e accendevano alcuni fumogeni uno dei quali veniva lanciato nel recinto di gioco, il tutto senza conseguenze; perché propri sostenitori intonavano vari cori offensivi verso le forze dell'ordine"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Piano regolatore, il presidente di Ance Catania: "Priorità a sicurezza e riqualificazione"

  • Cronaca

    Aggressione a studente davanti al De Felice: zigomo rotto e trenta giorni di prognosi

  • Cronaca

    Animali maltrattati, demolito canile abusivo in via Ustica

  • Cronaca

    Arrestato latitante, aveva distrutto barriera telepass in provincia di Arezzo

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia, tra gli arrestati anche il cantante neomelodico Andrea Zeta

  • Dalla musica neomelodica di Zeta agli affari del clan Santapaola: l'ascesa della famiglia Zuccaro

  • Sidra, niente acqua a Catania il 18 marzo: ecco le zone interessate

  • Clan Santapaola-Ercolano, 14 arresti: imponevano anche la sicurezza nei locali

  • Diverbio tra automobilisti, minacce e danneggiamento: padre e figlio indagati

  • Sbranò un bimbo a Mascalucia, ora Asia è stata rieducata e adottata

Torna su
CataniaToday è in caricamento