I jutsuka catanesi del Mizu Ryu "spingono” l'Italia

Il decano catanese della “Dolce arte” marziale giapponese maestro Cosimo Costa, organizzatore di un'imponente kermesse con 160 praticanti isolani “Csain” e con 8 Nazioni partecipanti al Meeting internationale “Mate”

I jutsuka “kimono d'oro” catanesi della Scuola dell'acqua, il Mizu Ryu, “spingono” l'Italia verso la conquista della vetta al “Meeting internazionale Mate”, confrontandosi con le ottime rappresentative marziali di Portogallo, Norvegia, Inghilterra, Francia, Spagna, Malta e Isole Cayman. Imponente e scenografica manifestazione di Ju-jitsu, con lo stage estivo “Summer Camp Ju-jitsu Csain 2019”, abbinato al quarto “Meeting internazionale Mate”, con protagonista l'antica arte marziale dei samurai giapponesi, la “Dolce arte” orientale del Ju-jitsu, dove il “morbido vince il duro”, nei giorni scorsi nell'incantevole località di Noto Marina nel Siracusano. Con l'organizzazione curata dal “vulcanico” decano catanese dei maestri, Cosimo Costa, responsabile della Sezione nazionale Ju-jitsu dell’ente Csain e ideatore e caposcuola del celebre metodo “Mizu Ryu” ossia la “Scuola dell'acqua”, si è potuto assistere ad un affollato stage con 160 praticanti isolani ma non solo; e ad un torneo internaionale con 8 Nazioni in lizza: Portogallo, Norvegia, Inghilterra, Francia, Spagna, Malta, Isole Cayman e Italia.

65265677_667044793717863_2087453268060930048_n-2

Livello tecnico complessivo elevato, con un caleidoscopio multicolore di tecniche marziali e di stili presenti: tecniche “controllate” di attacco e difesa, leve, proiezioni e sbilanciamenti, cadute e immobilizzazioni sui materassini, simulazioni di lotta e di tecniche marziali di combattimento libero, sempre nel rispetto delle regole e dei princìpi dell'etica marziale. “L’evento di Ju-jitsu Csain più grande ed impegnativo dell’anno - commenta Cosimo Costa -, il Summer Camp 2019, che quest’anno è coinciso con il IV Meeting internazionale della 'Martial Arts Teams in Evolution', anche quet'anno ha visto ospiti provenienti da Barcellona e Siviglia in Spagna, Malta, Bergen e Frederikstadt in Norvegia, Rochester e Gillingham in Inghilterra, Grand Cayman nelle Isole Cayman, Annecy, Groicy e Rumilly in Francia, Tavira in Portogallo, Zugliano (VI), Castellana Sicula (PA), Acireale (CT) e varie sedi di Catania”. “Un successo da tutti i punti di vista - continua il maestro catanese “Hanshi”, capo-istruttore e capo-scuola -, dopo quattro giorni d’intensissime attività. Un lavoro incredibile. Il lavoro di un intero anno. Tanta stanchezza, ma tanta soddisfazione”. Ecco quindi, i nomi dei tantissimi protagonisti della manifestazione, “portacolori” etnei. International Kombat point trophy: categoria A “child femm”, II posto Adriana Calanna, III posto Anjali Lavik; cat. B “child femm”, II) Maria Amore, III) Sofia Macaluso; cat. C “child masc”, II) Claudio He, III) Crhistian Olsen; cat. D “child masc”, II) Roberto Ragusa, III) Luca Coriolani; cat E “child masc”, II) Daniele Signorelli, III) posto Gabriele Costanzo; cat F “jun femm”, II) Elisabetta Armanetti; cat G “jun masc”, II) Giuseppe Gusmano; cat H “jun masc”, II) Luigi Pulvirenti, III) Lorenzo Russo. International Randori/duo kata trophy (mix/femm/masc): cat. A “child mix”, I) Giada Costa/ Valerio Puglisi, II) Alice La Rosa/Salvatore Ensabella, III) Elisabetta Armanetti/ Roberto Ragusa; cat. B “child femm”, I) Giada Costa/Alice La Rosa, II) Alice Scuderi/Sofia Scuderi, III) Adrian Herrada Pardo/Ana Gonzalez Giron; cat. C “child masc”, I) Salvatore Ensabella/ Daniele Signorelli, II) Valerio Puglisi/Luca Coriolani, III) Matteo Tutino/Riccardo Mazza; cat. D “jun masc”, I) Alessandro Sciacca/Vincenzo Mazzara, II) Alfio Patanè/ Claudio He; cat. E “sen femm”, I) Carmen Herrada Pardo/Tania Moreno, II) Agata Barbagallo/Adriana Barbagallo, III) Maria Pappalardo/Adriana Calanna, cat. F “sen masc”, I) Ivan Lentini/Riccardo Pulvirenti, II) Francesco Tomasello/Giulio Taccetta, III) Emanuele Raciti/Sebastiano Amore; cat. G “kids unica”, I) Francesco Bruno/Filippo Fiorentino, II) Davide D’Alcantari/Samuele Cicchello, III) Gabriele D'Urso/ Davide Palestro. International Grappling trophy: cat. A “child wom”, I) Giada Costa, II) P. Adriana Herrada, III) Sofia Scuderi; cat. B “child wom”, I) G. Ana Gomez, II) La Rosa Alice, III) Maria Amore; cat. C “child wom”, I) Adriana Calanna, II) Irene La Manna, III) Anjali Lavik; cat. D “child men”, I) Crhistian Olsen, II) Claudio He, III) Roberto Ragusa; cat. E “child men”, I) Davide La Rosa, II) Valerio Puglisi, III) Sebastiano Amore; cat. F “child men”, I) Daniele Signorelli, II) Matteo Tutino, III) Gabriele Costanzo; cat. G “jun wom”, I) Carmen Herrada, II)Adriana Barbagallo, III) Elisabetta Armanetti; cat. H “jun men”, I) Alessandro Sciacca, II) Giulio Taccetta, III) Alfio Patanè; cat. I “jun men”, I) Giuseppe Gusmano, II) Emanuele Raciti, III) Vincenzo Mazzara; cat. L “jun men”, I) Alessandro Privitera, II) Lorenzo Russo, III) Luigi Pulvirenti; cat. M “sen wom”, I) Agata Barbagallo, II) M. Tania Moreno, III) Ginevra Buccheri; cat. N “sen men”, I) Antonio Naranjo, II) Eriksen Renè, III) Daniele Placanica; cat. O “sen men”, I) Victor Lopez, II) Riccardo Pulvirenti, III) Ivan Lentini. International Random attacks trophy: cat. A “child femm”, II) Maria Amore, III) Giada Costa; cat. B “child femm”, II) Irene La Manna, III) Elisabetta Armanetti; cat. C “child masc”, II) Sebastiano Amore, III) Valerio Puglisi; cat. D “child masc”, II) Flavio Teobaldi, III) Roberto Ragusa; cat. E “child masc”, II) Gabriele Costanzo, III) Angelo Zito; cat. F “jun masc”, II) Giulio Taccetta, III) Vincenzo Mazzara; cat. G “jun masc”, II) Alfio Patanè, III) S. Vincenzo Fiorentino; cat. H “sen mix dan”, II) Francesco Disca, III) Francesco Marchese; cat. I “sen masc marr”, II) Fabio Russo, III) Emanuele Raciti; cat. L “sen mix dan”, II) Alessandro Privitera, III) Ginevra Buccheri; cat. M “sen masc color”, II) Francesco Tomasello, III) Mirko D'Olica. Classifica generale internazionale trofei per Nazioni partecipanti: I posto Italia, II posto Spagna, III posto Norvegia, IV posto Francia. Hanno diretto lo Stage i maestri fondatori “Mate”: Pascal Coulon - Goshin Sistème (Francia), Alexis Manas - Modern Jitsu Ryu (Spagna), Fabio Cavallaro - Aikikai d’Italia, Cosimo Costa - Csain Sez. Naz. Ju-Jitsu Italia. Infine, le associazioni Csain presenti: “Il Dojo” di Catania (maestro Cosimo Costa, istruttore Massimo Russo, allenatori Placido Canciullo, Tiziana Greco, Francesco Ensabella, Laura Garofalo, Gianluca Mazzola, Salvo Molino), “Alt. Village” di Acireale (maestro Alfredo Petralia), “Budo Sport” di Castellana Sicula - PA - (maestri Giovanni Macaluso e Giuseppe di Gangi), “Shin Kai club” di Tremestieri Etneo (maestro Giuseppe Torrisi, allenatore Francesco Disca), “Samurai & Friends” di Catania (istruttore Livio Lo Nigro), “Sargas Sport” di Aci Sant'Antonio & Viagrande (istruttore Massimo Amore), “Ma.Ma” di Zugliano - VI - (Istruttore Massimo Miranda), “Il Dojo / Aikido” di Catania (maestro Fabio Cavallaro, istruttore Rita Battiato). Inoltre, gli ospiti stranieri, delle citate nazionalità: 20 Francesi, 12 Spagnoli, 3 Inglesi, 5 Novegesi, un Portoghese, un rappresentante di Malta ed uno per le Isole Cayman.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale, auto si schianta contro spartitraffico: 4 morti

  • Strage dopo una serata in discoteca, nessuno indossava la cintura di sicurezza

  • Incidente stradale a Piano Tavola, 4 morti: Procura apre inchiesta

  • Mafia: blitz antidroga della polizia contro il clan Arena a Librino

  • Con un elicottero avevano rubato la Biga di Morgantina nel cimitero di Catania: 17 arresti

  • Incidente stradale a Piano Tavola, 4 morti: Procura apre inchiesta

Torna su
CataniaToday è in caricamento