Catania a testa alta contro il Venezia: non basta la rete di Silvestri

I rossazzurri perdono 2-1 la sfida di coppa Italia. Traversa colpita da Di Molfetta, uno dei più attivi, al minuti 71. Urlo strozzato in gola per l'ex Piacenza. "E' stata una bella gara, a viso aperto, senza tatticismi e con diverse occasioni: sono soddisfatto della prestazione" le dichiarazioni a caldo del tecnico Camplone

Il Catania dice addio alla coppa Italia, ma esce a testa alta dalla sfida contro il Venezia persa per 2-1. La squadra allenata dal tecnico Camplone si avvicina all'inizio del campionato avendo un'identità ben precisa di gioco. Dalla sfida del "Pier Luigi Penzo" arrivano buoni segnali dall'esterno Di Molfetta, il quale riscatta la prova poco esaltante disputata nell'amichevole contro il Cagliari. Lodi si riprende la regia e Llama continua il suo precampionato senza noie fisiche, giostrando da interno di centrocampo. 

I rossazzurri dopo un inizio in salita e il gol siglato dai padroni di casa con Zuculini, bravo ad inserirsi con i tempi giusti sul cross di Felicioli, risalgono la china, rispondendo colpo su colpo ai padroni di casa. Il pari arriva allo scadere della prima frazione sugli sviluppi di un corner calciato dal solito Lodi: Silvestri corregge la sfera con un colpo di testa potente e preciso. La ripresa è ancora all'insegno dei ribaltamenti di fronte. Le squadre non si risparmiano e il Catania continua ad offrire un gioco propositivo. Segnano i padroni di casa con la punizione di Aramu. La reazione del Catania c'è, ma non è accompagnata dalla buona sorte. Di Molfetta infatti colpisce la traversa e il forcing finale si infrange nel muro difensivo della squadra di casa. 

"Abbiamo avuto un inizio così così, ci poteva stare, ma ci siamo ripresi; è stata una bella gara, a viso aperto, senza tatticismi e con diverse occasioni: sono soddisfatto della prestazione - dichiara il tecnico Camplone a fine gara, poi aggiunge - Il processo di crescita c’è ed è evidente ma dobbiamo continuare a lavorare con intensità, per migliorare ulteriormente. L’aspetto migliore della nostra partita? La forza di reagire e la quantità di occasioni create, traversa inclusa, con almeno due interventi decisivi del portiere avversario. La tappa d’avvicinamento alla miglior condizione è stata completata, mettiamo minutaggio, stiamo lavorando sulla velocità e sulla qualità più che sulla quantità, in questa fase. Le nostre ambizioni in campionato? Proveremo a vincere, la squadra è costruita per questo: non sarà facile, c’è una grande concorrenza con squadre molto attrezzate ma noi siamo nel gruppo e ce la giocheremo. Dionisi ha sottolineato la qualità dei nostri calciatori? La nostra è una squadra molto tecnica, in avvio come detto eravamo un po’ contratti ma i ragazzi oggi hanno dato tutto, usciamo da questa competizione a testa alta”

Tommaso Silvestri ha firmato al “Penzo” il suo primo gol stagionale, svettando di testa sul corner calciato da Lodi e superando Lezzerini. Queste le sue parole nel post gara: "Peccato non sia bastato, ma il gol con attacco al centro della porta è il frutto di una soluzione provata e riprovata in allenamento, specialmente durante le rifiniture, e il piede di Ciccio è sempre una garanzia. Dedico la rete alla mia famiglia ed ai 102 giunti nel settore ospiti dopo aver percorso una distanza così lunga. Per me, veneziano, è stata una bella emozione giocare davanti a tanti amici sugli spalti, li ringrazio per la loro presenza; non ho esultato, avendo anche vissuto l’esperienza nel Settore Giovanile della squadra della mia città. Siamo stati molto propositivi, credo ci siano stati passi in avanti sul piano del gioco rispetto alle gare con Fanfulla e Cagliari, ai punti oggi avremmo meritato qualcosa in più, la sconfitta brucia ma la strada è quella giusta, abbiamo una bella e concreta identità di gioco, abbiamo evidenziato corsa e carattere, ci siamo aiutati reciprocamente dall'inizio alla fine della partita. Le prestazioni positive, anche quando non sono premiate dal risultato come purtroppo è accaduto stasera, aiutano a crescere”. 

TABELLINO VENEZIA-CATANIA 2-1  (3’ Zuculini, 42’ Silvestri, 56’ Aramu)

Venezia: Lezzerini; Fiordaliso, Modolo, Cremonesi, Felicioli, Maleh, Vacca, Zuculini, Aramu, Capello, Bocalon

Catania 4-3-3: Furlan; Calapai, Silvestri, Esposito, Pinto; Dall’Oglio (54’ Mazzarani), Lodi, Llama (75’ Bucolo); Sarno, Curiale (‘79 Di Piazza), Di Molfetta

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Santapaola-Ercolano, blitz dei carabinieri del Ros: i nomi degli arrestati

  • La spartizione dei soldi del clan Santapaola-Ercolano: "C'è u nanu ca tuppulìa"

  • Aggressione ai poliziotti al "Tondicello", presi gli autori

  • Blitz dei carabinieri del Ros: arresti e sequestro di beni al clan Santapaola-Ercolano

  • Cade lampione su passante mentre allestiscono luci di Natale in via Etnea

  • Poste Italiane cercano portalettere anche a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento