Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche le palestre riaprono: si punta sugli ingressi scaglionati | Video

Anche il mondo delle palestre “scalda i motori” in vista della ripresa delle attività di allenamento. Il lockdown è stato duro da digerire per questo settore, in cui il contatto fisico e la possibilità di muoversi liberamente gioca un ruolo fondamentale. Le prospettive nell’immediato non sono delle migliori, ma si lavora con grinta per far ripartire il comparto

 

“Le perdite subite in questi mesi di chiusura forzata sono ingenti. Abbiamo dovuto pagare ovviamente tutti i costi fissi – spiega Salvo Lo Faro, direttore tecnico delle palestre “Athletic Life di Vulcania - ed abbiamo sopperito con riserve nostre alla mancanza di liquidità. Non abbiamo ricevuto pagamenti a fondo perduto ed attendiamo l’eventuale sblocco dei pagamenti sperando con fiducia in un prossimo provvedimento risolutivo. Speriamo intanto nell’ok definitivo alla riduzione del canone d’affitto del 50 per cento, che sarebbe già una misura concreta per aiutare la nostra categoria. Per quanto riguarda i collaboratori iscritti al Coni, diversi di loro hanno beneficiato dei 600 euro di bonus, anche se con qualche ritardo”. Per tre mesi, infatti, non ci sono stati rinnovi di abbonamenti e le iscrizioni non si sono “rigenerate”.

I clienti che adesso frequenteranno gli spogliatori e le sale attrezzi saranno quindi i vecchi iscritti, come sottolinea Lo Faro. “In estate – prosegue - assistiamo ogni anno ad un calo delle nuove adesioni, dovuto al caldo. Chi apre adesso deve ipotizzare uno scenario di perdite economiche che durerà almeno fino ad agosto, con meno iscrizioni e costi importanti da gestire. In più abbiamo dovuto impiegare delle risorse per sanificare i nostri ambienti, anche se tutto sommato gli obblighi non sono eccessivi”.

Giuseppe Pittarà, istruttore della palestra "Gold Fitness" di via Gorizia, ha già provveduto ad igienizzare tutti i macchinari e lunedì aprirà ufficialmente al pubblico. "Puntiamo su un'apertura scaglionata.Nella nostra sala di 400 metri quadri entreranno 12 persone alla volta, 3 per sala, con un tempo di circa un'ora e un quarto per allenarsi. Eravamo molto attenti all'igiene e lo saremo ancor più adesso. I nostri clienti non vedono l'ora di tornare ad allenarsi, perchè il fisico è essenziale per stare in buona salute. Siamo ottimisti e contiamo di avere più clienti di prima".

Potrebbe Interessarti

Torna su
CataniaToday è in caricamento