Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Crisi supermercati Forté, i lavoratori in piazza: "Da sette mesi senza stipendio"

Lo sciopero dei dipendenti del gruppo Meridi che lamentano l'assenza, da mesi, delle loro spettanze e un futuro quanto mai incerto

 

"Lavoro, lavoro". Una richiesta accorata quella dei dipendenti dei supermercati Forté che hanno trascorso un pessimo Natale e vedono il nuovo anno aprirsi all'insegna dell'incertezza. Dei circa 500 punti vendita sparsi per la Sicilia, nel catanese ci sono migliaia di famiglie appese a un filo. Da sei, e anche sette, mesi non ricevono lo stipendio a causa della profonda crisi del gruppo Meridi che fa capo ad Antonino Pulvirenti, il patron del Calcio Catania.

Una crisi che è finita dinanzi al tribunale fallimentare e il prossimo 7 gennaio è prevista un'altra udienza per comprendere il futuro del gruppo e dei lavoratori. E fra chi è sceso oggi in piazza per scioperare, dalla prefettura sino alla via Etnea, c'è il giovane che vede infrangere i propri sogni di futuro in una terra avara di lavoro e chi, alle porte della pensione, si vede costretto a pensare a reinventarsi.

E' il caso del signor Rosario che ha 62 anni, con una figlia in procinto di sposarsi e un futuro incerto. "Mentre tutti pensano alle feste e a cosa mettere a tavola per il cenone noi stiamo facendo i conti con la paura del domani e con mesi senza entrate", questo l'amaro commento.

Potrebbe Interessarti

Torna su
CataniaToday è in caricamento