Anche il Cara Mineo presente a Calatabiano alla “città delle professioni”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

 

Nell'ambito della XXIV edizione del Seminario Europa organizzato quest'anno a Catania dal CIOFS-FP (Centro Italiano Opere Femminili Salesiane) sui temi della formazione e dell'apprendistato, anche Il CARA di Mineo (Centro Accoglienza Richiedenti Asilo) ha trovato un suo spazio per favorire l'incontro della comunità dei migranti con il territorio e con le occasioni di apprendistato nelle imprese. Tra gli stand inaugurati nel pomeriggio del 6 settembre a Calatabiano, in cui gli Enti impegnati nella formazione hanno potuto dare mostra delle loro attività, uno è dedicato infatti alle professionalità acquisite dagli ospiti del CARA. Sartoria, bigiotteria, terracotte, treccine: i migranti presenti allo stand fanno vedere nella pratica il frutto di una politica che è stata perseguita quest'anno dal soggetto attuatore del CARA di Mineo nella persona del Presidente della Provincia Giuseppe Castiglione e dal Direttore del CARA Sebastiano Maccarrone. Una politica volta a far uscire gli ospiti dal Centro e dare loro l'opportunità di acquisire professionalità, anche grazie ai corsi di formazione organizzati insieme al CIOFS-FP e ad altri enti di formazione professionale; all'accordo con la Camera di Commercio per un'assistenza nelle attività d'impresa; all'apertura di uno sportello di orientamento al lavoro. Il CARA di Mineo, da novembre dello scorso anno, ha visto un susseguirsi di laboratori (ricamo, fimo, lana, patchwork, moda e cucito, pittura, giardinaggio), di iniziative sportive per l'integrazione (minicalcio, volley e basket per minori, quadrangolare di calcio "Insieme per vincere", corsa ciclistica e gimkana), di incontri con il territorio come nel caso delle scenografie multietniche viventi realizzate per il "Natale nei vicoli" a Mineo o del Grest estivo per i più piccoli.

Insieme alle iniziative della Giornata Mondiale del Rifugiato del 20 giugno scorso e al CARA Fest del 15 e 16 luglio, la partecipazione oggi agli stand della Città delle Professioni è una nuova testimonianza del lavoro del CARA per lo sviluppo di una politica di integrazione e solidarietà.

Il CARA è la più grande infrastruttura sociale presente in Europa in materia di politiche migratorie e "diventa quindi - ci dice il direttore del Centro, dr. Sebastiano Maccarrone - il più grande laboratorio per la promozione di attività di sostegno piscologico e sociale, di mediazione linguisitica e di assistenza all'integrazione per i rifugiati e i richiedenti asilo che fuggono da guerre, carestie, persecuzioni politiche e religiose."

"In questa ottica - aggiunge - il CARA può essere trasformato in un polo europeo di eccellenza, propulsore della crescita sociale e dello sviluppo economico del territorio".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento