Come aprire una Partita IVA

Tutto quello che c'è da sapere per coloro che vogliono aprire una partita IVA

La partita Iva è un insieme di numeri, per la precisione 11, che identificano una società o una persona fisica. Sono numeri che hanno valenza in ottica tributaria perché utili ad identificare non solo il titolare dell’attività ma anche la posizione fiscale del soggetto interessato. 

I soggetti obbligati ad aprire una partita Iva sono tutti coloro che svolgono attività autonoma, come liberi professionisti o le imprese di beni o servizi che, in quanto non soggetti a reddito da lavoro dipendente, sono chiamati ad adempiere ai propri obblighi fiscali attraverso l’imposizione fiscale indiretta (IVA).

Per aprire una partita IVA bisogna presentare richiesta all’Agenzia delle Entrate, la quale provvederà ad attribuire al richiedente il codice di 11 cifre utile per identificarlo adeguatamente. Per l’apertura della partita Iva bisogna compilare e consegnare all’Agenzia delle Entrate il modello AA9/12 in caso di persone fisiche o AA7/10 in caso di soggetti diversi. Entrambi possono essere scaricabili al seguente link.

Tale modello non è nient'altro che la dichiarazione di inizio attività che dovrà essere consegnata entro 30 giorni dall’avvio della propria attività professionale autonoma. I modelli AA9/12 o AA7/10 dovranno essere consegnati all’Agenzia delle Entrate in allegato con il proprio documento di riconoscimento recandosi presso uno degli Uffici, attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno o in modalità telematica, attraverso il software che è possibile scaricare sul sito.

Al momento dell’apertura della partita Iva bisognerà scegliere il codice ATECO dell’attività che si intende svolgere. In caso di variazione dell’attività svolta si dovrà procedere, di conseguenza, con la comunicazione del nuovo codice identificativo dell’attività.

Non si è parlato nei paragrafi precedenti di costi non per dimenticanza ma per la circostanza che aprire una partita Iva è totalmente gratuito. Bisognerà sucessivamente scegliere il regime fiscale più adatto alla propria attività. Attualmente sono previsti due regimi: il forfettario, ex regime dei minimi, introdotto nel 2016, oggetto di importanti modifiche a partire dal 1° gennaio 2019, e quello a contabilità ordinaria. I due regimi prevedono costi di gestione differenti. Sarà successivamente necessario valutare attentamente i costi di gestione di entrambi. 

Indirizzi utili 

Sito ufficiale Agenzia delle Entrate

Agenzia delle Entrate di Catania - Via Monsignor Domenico Orlando, 1, 95126 Catania CT

Sito ufficiale Ministero dell'Economia e delle Finanze

Potrebbe interessarti

  • Piazza Duomo, uomo salvato dai soccorritori della Misericordia: "Grazie ragazzi"

  • Sindrome del colon irritabile: i cibi da evitare

  • Smartphone, occhio al virus FinSpy

  • Ondate di caldo, i consigli del Medico di famiglia: "Aria condizionata con moderazione”

I più letti della settimana

  • Bruno Barbieri a Catania per la penultima tappa di 4 Hotel: ecco gli sfidanti

  • Incidente stradale sull'asse dei servizi: 6 feriti, tra loro 3 bambini

  • Chiedono il "cavallo di ritorno", ma i falchi li arrestano a Picanello

  • Camion dei panini prende fuoco, i vigili del fuoco salvano le case vicine

  • Incidente stradale sull'Asse dei servizi, in otto sull'auto che si schianta contro il guardrail: un morto e 7 feriti

  • Arrestato corriere della droga, nascondiglio "alla Diabolik" per la coca

Torna su
CataniaToday è in caricamento