Martedì, 3 Agosto 2021
Attualità

Ospedale di Caltagirone: programmati 53 milioni di investimenti e nuovi concorsi

Il manager dell’Asp di Catania, Maurizio Lanza, ha incontrato le delegazioni di Cgil (Fp Calatino e Medici), Cisl (Medici), Uil (Fpl e Medici), Fials e Fsi-Usae per fare il punto

Ospedale “Gravina” di Caltagirone: 43 milioni di euro di investimenti in opere pubbliche realizzate e da realizzare entro il primo trimestre del 2022; 10 milioni di euro per nuove attrezzature; l’acquisto della Tac a 128 strati e entro luglio l’avvio di nuovi concorsi per le discipline nelle quali si avranno carenze.
Sono alcuni dei dati presentati dal manager dell’Asp di Catania, Maurizio Lanza, alle delegazioni di Cgil (Fp Calatino e Medici), Cisl (Medici), Uil (Fpl e Medici), Fials e Fsi-Usae, nel corso dell’incontro di ieri, presso la direzione generale dell’azienda sanitaria catanese, per discutere sulle strategie aziendali relative al “Gravina” e risolvere le criticità del presidio. Presenti, per la parte sindacale, Enzo Maggiore, Sandro Sammartino, Francesco Barone
e Giuseppe Castronuovo (Cgil Fp Calatino e Medici), Massimo De Natale (Cisl Medici), Fortunato Parisi, Stefano Passarello e Filippo Bentivegna (Uil Fpl e Medici), Agata Consoli (Fials) e Salvatore Bellia (Fsi-Usae).

Nel corso dell’incontro, i rappresentanti sindacali hanno presentato al manager Lanza una piattaforma sindacale per l’Ospedale di Caltagirone chiedendo:
la definizione di tutte le procedure concorsuali per i primari entro il mese di settembre; l’accelerazione delle procedure concorsuali per i dirigenti medici; la condivisione della Dotazione organica e del Piano del fabbisogno del personale; la sottoscrizione di nuove convenzioni per prestazioni specialistiche con
aziende sanitarie per le discipline più in sofferenza. Inoltre, tra le altre richieste, anche l’individuazione di forme di incentivazione e di ristoro per gli operatori che prestano il loro servizio in sedi di lavoro lontane dal centro o disagiate e il rilancio della Fisiatria del presidio di Santo Pietro.

Il manager Lanza, accogliendo le richiese dei sindacati, ha sottolineato la completa coerenza con gli obiettivi strategici aziendali. «Si lavora e si programma non sulle percezioni e i pregiudizi, ma a partire dai numeri» ha detto ringraziando i presenti per il senso di responsabilità e l’attenzione espresse. Prima questione affrontata durante l’incontro è stata la difficoltà di reperimento del personale. Lanza ha elencato i provvedimenti adottati dalla direzione aziendale nel corso del suo mandato: dalla nomina di sei nuovi primari, dei dirigenti responsabili delle Unità operative semplici e del nuovo direttore amministrativo del presidio, al conferimento degli incarichi di sostituzione dei direttori delle strutture; dalle procedure concorsuali in itinere all’assunzione di nuovo personale. Sulla criticità nel reperimento di personale medico ha, quindi, evidenziato «le “carenze di sistema”, per il noto difetto di programmazione degli ingressi nelle Scuole di specializzazione, che causano la sofferenza delle sedi più periferiche. "Per quanto ci riguarda - ha spiegato - Caltagirone, Militello e Bronte risentono maggiormente del più alto appeal delle sedi catanesi e dell’immediato hinterland. Il lungo blocco nelle assunzioni ed i prepensionamenti per “Quota 100”, “Opzione donna” e “Ape sociale” hanno reso il compito ancora più difficile nella gestione del turnover".

In merito alle carenze di personale infermieristico la dotazione organica approvata con deliberazione n. 1850 del 2017 prevede presso il “Gravina” 337 unità a fronte delle 299 unità in servizio al 1 maggio 2021, attestando la carenza a -11% rispetto alla dotazione. Lanza ha, quindi, indicato tempi e modalità per il reperimento del personale carente e ha annunciato anche nuove iniziative: "Sono pronto - ha detto - anche a soluzioni forti per salvaguardare la struttura, garantire la continuità dei servizi ai cittadini e riconoscere il merito dovuto agli operatori che con spirito di servizio e abnegazione, con il loro quotidiano lavoro hanno mantenuto alti i livelli assistenziali dell’ospedale, con esempi di eccellenza".

Focus anche sugli investimenti sia in lavori pubblici, sia in attrezzature. I rappresentanti sindacali hanno riconosciuto l’impegno profuso dalla Direzione aziendale per dare risposte alle aspettative di salute dei cittadini e hanno sottolineato il grande spirito di sacrifico del personale tanto del “Gravina”, quanto delle altre sedi lavorative dell’Asp di Catania. Riservandosi poi di presentare al manager Lanza una ulteriore piattaforma di lavoro per i servizi territoriali, i rappresentanti sindacali hanno chiesto l’aggiornamento dell’incontro alla prima decade di giugno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale di Caltagirone: programmati 53 milioni di investimenti e nuovi concorsi

CataniaToday è in caricamento