rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Attualità

Poste italiane, a 24 anni è la più giovane consulente finanziaria della Sicilia

Marina Gangi, classe ’98 di Aci Catena, è consulente finanziaria all’ufficio postale di Aci Sant’Antonio. Sebbene vanti in altri ruoli colleghi ancor più giovani, Marina con i suoi 24 anni è la più giovane consulente di tutta la Sicilia

Per i tanti giovani catanesi in cerca di un posto di lavoro è frequente imbattersi nelle posizioni aperte offerte da Poste Italiane. Diversi i ruoli proposti, alcuni dei quali richiedono requisiti specifici come, per esempio, la laurea in discipline economiche per lavorare in sala consulenza e assistere i clienti nella gestione del patrimonio finanziario.

Negli ultimi mesi nel solo comparto degli uffici postali nove giovani risorse hanno ottenuto un impiego in provincia di Catania. Ogni anno migliaia di giovani si candidano sul sito aziendale nella speranza di ricevere la cosiddetta “chiamata”, allettati dalla possibilità di un posto di lavoro in una grande azienda, tra le poche che vanti un piano di assunzioni e che offre la possibilità di lavorare rimanendo in Sicilia. 

Ma cosa succede dopo il caricamento del curriculum su Poste.it? Chi e come viene selezionato? Lo abbiamo chiesto a una di loro. 

Marina Gangi, classe ’98 di Aci Catena, è consulente finanziaria all’ufficio postale di Aci Sant’Antonio. Sebbene vanti in altri ruoli colleghi ancor più giovani, Marina con i suoi 24 anni è la più giovane consulente di tutta la Sicilia. 

Come ci si sente a essere la più giovane consulente finanziaria?

È una grande soddisfazione. Nel mio primo ufficio postale, a San Gregorio di Catania, i colleghi mi chiamavano affettuosamente “a picciridda”. Ammetto che in parte sono abituata ad essere la più piccola, è capitato anche nel mio corso all’università e alle sessioni di laurea a cui ho preso parte. Però quello della consulente finanziaria è un lavoro di grande responsabilità, esserlo diventata così presto mi gratifica ancor di più.

Per essere selezionati in Poste conta la formazione personale. Qual è stato il tuo percorso?

A 21 anni mi sono laureata in Economia e Commercio e a 23 specializzata in Finanza aziendale con lode all’Università di Catania. Per un periodo, sempre tramite UniCt, ho frequentato un corso di economia nella città inglese di York. Prima di ricoprire questo ruolo, durante gli studi, ho anche lavorato nel settore, in società che si occupano di finanziarie e aprendo la partita iva come agente. In tanti mi dicevano che era un rischio ma io nonostante l’età avevo già chiaro cosa volessi fare nella vita. 

Come hai preso l’assunzione in Poste Italiane?

È stato appunto il coronamento del mio percorso. Nelle mie piccole esperienze lavorative avevo trovato il settore giusto ma non la stabilità che cercavo. E non mi riferisco solo a quella contrattuale bensì alla possibilità di guardare al futuro e immaginare un percorso di crescita professionale. La notizia dell’assunzione è stata una festa, sia per me che per la mia famiglia. Per loro, che hanno fatto tanti sacrifici per accompagnarmi nel mio percorso, è stata una grande soddisfazione. Il più contento di tutti è stato mio nonno Carmelo. 

Raccontaci quali sono stati i tuoi step dall’inserimento del cv sul sito aziendale. 

Parto col precisare che quel curriculum l’ho inviato diverse volte. Dopo l’ultimo aggiornamento in seguito alla laurea magistrale sono stata contattata da Poste per partecipare a un recruiting day via web insieme ad altri candidati. Successivamente ho effettuato dei test online su diverse materie: matematica, inglese e logica. E infine sono stata sottoposta a dei colloqui individuali. Non dimenticherò mai l’ultima chiamata con la quale mi comunicarono l’assunzione. Non ci speravo più. Sapevo che sarebbe arrivata solo in caso di esito positivo ed entro due settimane. Arrivò il dodicesimo giorno. 

Come ti fa sentire oggi lavorare in ufficio postale? 

Non è il lavoro che molti immaginano. È stimolante, ogni giorno ci si rapporta con persone diverse che in Poste Italiane vedono un punto di riferimento e di conseguenza lo siamo anche noi. L’azienda è in continua evoluzione e si apre a settori sempre nuovi, dalle sim all’energia fino all’rc auto. Senza dimenticare la dimensione umana. In Poste ho trovato grande collaborazione tra colleghi su tutti i livelli e in particolare in ufficio postale ho trovato una seconda famiglia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poste italiane, a 24 anni è la più giovane consulente finanziaria della Sicilia

CataniaToday è in caricamento