Domenica, 26 Settembre 2021
Attualità

Accordo tra Asp e medici di famiglia per incrementare le vaccinazioni

Garantito ai medici di famiglia il supporto amministrativo-informatico. L'obiettivo è quello di arrivare al 70% di vaccinati in prima dose, con uno sguardo particolare alle vaccinazioni domiciliari e agli esitanti

Siglato oggi, presso la Direzione generale dell’Asp di Catania, l’accordo integrativo aziendale per la partecipazione dei medici di medicina generale alla campagna vaccinale anti-Covid. L’accordo è stato sottoscritto dai vertici dell’Asp di Catania, alla presenza del commissario per l’emergenza Covid, con i rappresentanti delle organizzazioni sindacali
Cisl medici, Fimmg, Smi, Snami. Intervenuti, per l’Asp di Catania, anche i direttori del Dipartimento per le Attività Territoriali e del Dipartimento di Prevenzione, e i direttori delle Unità Operative Coordinamento Staff, Epidemiologia e Trattamento economico.

Nell'ambito dell'emergenza covid le Asp sono state autorizzate a sottoscrivere appositi accordi volti a favorire le attività di vaccinazione anche domiciliare, mediante l’adozione di specifici protocolli organizzativi; e a compiere gli atti amministrativi necessari al reperimento del personale amministrativo e medico finalizzato ad attivare modalità di vaccinazione decentrata e domiciliare.

"Siamo grati ai rappresentanti sindacali dei medici di medicina generale per la grande sensibilità espressa anche in questa occasione - affermano i vertici dell’Asp di Catania
-. Abbiamo sottoscritto un accordo con il quale rinforziamo la rete vaccinale per conseguire gli obiettivi fissati dal Governo regionale e mettere in sicurezza la popolazione. Particolare impegno è rivolto alle vaccinazioni a domicilio e agli esitanti per indurli alla vaccinazione. Guardiamo tutti nella stessa direzione e con la stessa attenzione civica, senza indugiare e mettendo sul campo il massimo sforzo organizzativo e la massina disponibilità".

Obiettivo dell’accordo è migliorare le performance vaccinali sul territorio della provincia di Catania, conseguendo almeno il target del 70% dei vaccinati in prima dose, e inducendo alla vaccinazione quanti ancora non si sono vaccinati. In questo senso il rapporto di fiducia e di prossimità che lega il medico di medicina generale ai propri assistiti, rappresenta un canale privilegiato per rispondere direttamente ai bisogni espressi dagli utenti e affrontare alla base i motivi della loro esitazione. I rappresentanti sindacali hanno espresso piena soddisfazione per il riconoscimento del supporto amministrativo e informatico che verrà garantito dall’Asp ai medici di medicina generale, sia negli studi, sia nei punti vaccinali istituiti grazie alla sinergia con i Comuni, sia nei punti vaccinali implementati d’iniziativa dei medici. Uno strumento organizzativo e logistico centrale per conseguire gli obiettivi condivisi e aumentare il numero di vaccinazioni in prima dose. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accordo tra Asp e medici di famiglia per incrementare le vaccinazioni

CataniaToday è in caricamento