rotate-mobile
Alimentazione

Alimentazione - Cosa significa Caloria 'vuota' e caloria 'negativa'

Si tratta di una importante distinzione che ci permetterà sicuramente di fare maggiore attenzione alla nostra salute ed al nostro benessere

Molto spesso si sente parlare di 'calorie vuote' e di 'calorie negative' senza capirne effettivamente il significato.  Vediamo quindi quali sono le differenze tra queste due tipologie.

L'espressione caloria vuota fa pensare a qualcosa che non apporta calorie. Nella realtà è una caloria che equivale a quella tradizionale ma che non apporta al nostro organismo alcun micronutriente importante per il benessere del nostro organismo.  Per questo motivo, oltre che vuota c'è chi la chiama anche 'stupida', che farà solamente ingrassare senza offrire ingredienti preziosi (micronutrienti) al nostro organismo. 

Le calorie vuote non sono salutari: tendono a far aumentare il tessuto adiposo senza offrirci proteine, sali minerali, vitamine, acidi grassi ed antiossidanti. Rientra in questa categoria il 'junk food', ossia gli alimenti che hanno solamente zuccheri e grassi. 
 Questo non significa che bisogna del tutto eliminare gli alimenti che contengono calorie vuote ma è bene sceglierli con buon senso e consumarli non di frequente. Esempio: un bicchiere di vino ha calorie vuote.

Vengono invece definite calorie negative gli alimenti che hanno un contenuto così esiguo di calorie che introdurli per attivare la digestione farebbe bruciare più dell'apporto calorico del cibo ingerito. Si tratta quindi di alimenti che fanno perdere peso mangiando.

Alimenti a calorie negative - Quali sono

Frutta e verdura, spezie. Il primato come caloria negativa spetta al sedano, che apporta 20 calorie ogni 100 grammi. Il sedano, inoltre, è un alimento spezza-fame per eccellenza ed è ottimo come snack salutare perchè altamente dietetico. 

Tra gli alimenti a calorie negative rientrano anche il cavolfiore (25 calorie ogni 100 grammi) ed il cavolo. Entrambi sono ricchi d'acqua, capaci di reidratare l'organismo e combattere la ritenzione idrica.

In classifica anche il cetriolo, 12 calorie per ogni 100 g. Ricco di acqua, combatte la ritenzione idrica ed elimina le tossine. E' un grande alleato della salute vista la presenza notevole di sali minerali come potassio, fosforo, vitamine. 

Se prendiamo in considerazione le insalate le verdure da considerare come 'calorie negative' sono sicuramente la rucola, il crescione, la lattuga iceberg, e la lattuga romana. Si passa dalle 28 calorie per 100 g della rucola alle 14-15 calorie per 100 g della lattuga romana.

Fanno inoltre parte delle calorie negative anche broccoli, spinaci, zucchine, barbabietole. Gli spinaci si aggirano intorno alle 23 calorie per ogni 100 g, le zucchine meno di 17 g. 

Il brodo di carne sgrassato apporta 7 calorie per 100 grammi, quello di pesce 10 calorie e quello vegetale 11. Un altro cibo a calorie negative è l?aglio, che apporta 41 calorie ogni 100 grammi. Nel piatto ricco di cibi a calorie negative ci finiscono anche i funghi bianchi (26 calorie per ogni 100 grammi), ottimi da consumare come sostituti della carne 

Alimenti a calorie vuote - Quali sono

- Zucchero in generale

- Tutte le bibite zuccherate come chinotto, spuma, aranciate, succhi di frutta e quelle contenenti cola

- I succhi zuccherati, anche quando hanno un?alta percentuale di polpa, contengono comunque lo zucchero della frutta (fruttosio) oltre allo zucchero aggiunto, prevalendo sull?apporto delle vitamine e sali minerali

- I cibi prodotti con farina raffinata, anche chiamata farina bianca; apporta molta energia (grazie all'alto contenuto di carboidrati) senza fornire quantità rilevanti di micronutrienti. Per questo motivo è meglio preferire la farina integrale

- fritti; merendine; gelatine; fette biscottate; piatti e sughi pronti; alcolici

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alimentazione - Cosa significa Caloria 'vuota' e caloria 'negativa'

CataniaToday è in caricamento