rotate-mobile
Alimentazione

Dieta e dolci - Quando si possono mangiare?

Non è assolutamente vero che anche se a dieta non si possono consumare mai dolci: ecco come e quando è possibile fare uno strappo alla regola

Molto spesso si pensa che chi è a dieta o non vuole ingrassare non debba mangiare dolci.  In realtà c'è da dire che è possibile, con qualche accorgimento, poter comunque consumare questo così prelibato alimento.

In primis c'è da dire che lo zucchero, facendo parte della catena alimentare, deve essere consumato (anche se in quantità ridotte). L'OMS ha specificato che bisogna assumere come zuccheri semplici il 5-10% delle calorie quotidiane complessive (6 cucchiaini al giorno). Non ci si riferisce però solo allo zucchero raffinato ma a tutti gli zuccheri che molti alimenti contengono naturalmente.

Possiamo trovare zuccheri semplici nel miele, nelle caramelle, nei gelati, nello yogurt, nel latte e nei cibi industriali. Questi zuccheri hanno le caratteristiche negative di non avere effetto saziane e di causare picchi glicemici perchè passano velocemente dall'intestino al circolo sanguigno.

Quando e quali dolci mangiare quando si è a dieta

Anche quando si è a dieta è possibile fare uno strappo alla regola e concedersi un dolce: lo si può fare una volta a settimana e mangiandone uno di piccole dimensioni. E' bene anche individuare il momento giusto per 'sgarrare', così da non vanificare gli sforzi che si stanno facendo.

Uno studio condotto da ricercatori di Tel Aviv ha individuato che il momento migliore per mangiare dolci è sicuramente la mattina perchè in questo modo si attivano più facilmente le funzioni cerebrali ed il metabolismo e ci sarà tutta la giornata per smaltire le calorie assunte e non trasformarle in grasso superfluo.

Meno corretto mangiarli post pranzo o post cena: se si mangiano a pranzo meglio evitare i carboidrati. Per coloro che non sanno rinunciare alla colazione salata, un dolcetto è possibile a metà mattinata o al massimo a metà pomeriggio.

Tra i dolci consigliati da mangiare quando si è a dieta c'è sicuramente il cioccolato fondente. 10-20 g al giorno sono addirittura consigliati normalmente per la sua capacità di migliorare apprendimento e funzioni cognitive grazie alla presenza dei flavonoidi.

Da considerare anche i dolci fatti in casa (ma con farina integrale, olio extravergine di oliva e olio di semi, yogurt al poso della panna e frutta candita o sciroppata al posto di quella fresca). Si possono preparare anche torte classiche purchè le ricette non prevedano mai la presenza di burro e quantità ridotte di zucchero.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dieta e dolci - Quando si possono mangiare?

CataniaToday è in caricamento