Martedì, 3 Agosto 2021
Cura della persona

Forfora: cause, tipologia e rimedi

Non c'è un solo tipo di forfora: per questo motivo, prima di combatterla, è bene conoscere quali sono le cause per poter adottare il trattamento più idoneo al proprio cuoio capelluto

La forfora, ossia quelle fastidiose ed antiestetiche scagliette bianche e secche che si formano alla base dei capelli, è una patologia del cuoio capelluto molto comune che si manifesta a qualunque età.

Si forma quando la desquamazione del cuoio capelluto (processo in virtù del quale le cellule nascono, crescono e muoiono) è alterata e quindi si presenta in maniera abbondante sotto forma di forfora, distrubuendosi sui capelli e sulle spalle.

Forfora - Cause

- si può avere forfora secca (desquamazione senza infiammazione e senza prurito) a causa di forte stress emotivo o durante il periodo invernale

- la forfora grassa comporta un cuoio capelluto untuoso, eccesso di sebo e prurito intenso; il prurito comporta anche la presenza di dermatite seborroica e la conseguente caduta dei capelli

- possono contribuire alla formazione della forfora una cattiva alimentazione, lavaggi troppo frequenti o troppo diradati, utilizzo di prodotti aggressivi o non conformi al proprio tipo di cuoio capelluto

Tipi di forfora

Fisiologica - E' quella che si ha nel caso di ciclo fisiologico della desquamazione del cuoio capelluto ed è dovuta al ricambio dello strato superficiale dell'epidermide. In alcuni casi la sostituzione di queste cellule può essere accentuata dall'aria troppo secca, da lavaggi troppo eccessivi con shampoo o dall'utilizzo di prodotti troppo aggressivi.

Occasionale - Si può verificare a causa della presenza di infezioni (batteri come il bacillo dell'acne) ed è accompagnata da prurito e desquamazione; può dipendere anche dall'uso eccessivo ed aggressivo di unghie, spazzole o pettini che provocano anche delle escoriazioni o da trattamenti igienici errati del cuoio capelluto (shampoo troppo aggressivo, lozioni per capelli troppo alcoliche, uso eccessivo di sostanze alcalinee, esposizioni a fonti di calore troppo secche).

Patologica - Si manifesta in caso di squilibrio ormonale che può essere causato da: eccessiva sudorazione dei tessuti superficiali a causa di patologie a livello cutaneo; scarsa idratazione della cute a causa di una presente disfunzione delle ghiandole sudoriparie; eccessiva produzione di sebo; insufficiente produzione di sebo; eccessiva o insufficiente produzione di sostanze proteiche; inadeguato nutrimento delle cellule germinative.

Per combattere la forfora bisogna prima farsi visitare da un dermatologo che sarà sicuramente in grado di capire le cause e le caratteristiche della forfora, in modo da scegliere il trattamento più adeguato.

Ad ogni modo è sempre bene, per poter prevenire il problema, non farsi mancare mai alcune buone abitudini: utilizzo di un prodotto specifico per i propri capelli, evitare uso eccessivo di gel o lacche, avere una alimentazione sana, varia e particolarmente ricca di aminoacidi solforati, omega-3, antiossidanti e vitamine del gruppo B. E' preferibile anche evitare fonti di calore eccessivi e situazioni che portano ad essere particolarmente stressati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forfora: cause, tipologia e rimedi

CataniaToday è in caricamento