Stress da coronavirus: consigli e 'pillole antipanico'

L'OMS ha fornito alcune indicazioni su come comportarci per ridurre lo stress da coronavirus che può formarsi sia negli adulti che nei bambini

Arrivano dall'OMS e vengono circolarizzati dall'Istituto Superiore della Sanità alcuni consigli e/o rimedi che possono essere utilizzati nel momento in cui ci si faccia prendere dallo spavento, dalla tristezza e dalla confusione in questo periodo complicato dovuto alla diffusione del Covid-19.

Stress da Coronavirus - Consigli per arginarlo

- parlare con persone delle quali ci fidiamo

- cercare informazioni solamente da fonti attendibii (Ministero della Salute, Istituto Superiore Sanità o OMS)

- non consultare assolutamente in modo ossessivo i social o altri canali che presentano solo scenari catastrofici

- mantenere uno stile di vita sano (non fumare, non bere eccessivamente)

- anche stando a casa continuare a sentire sempre gli amici e la famiglia per telefono o per mail

Possono essere ovviamente colpiti dallo stress anche i bambini, che appaiono più agitati ed insistenti nelle loro richieste.

Bisogna rassicurarli, dargli ancora più affetto ed ascolto. Nel caso di ricovero in ospedale è necessario mantenere i contatti coi propri figli per telefono, rassicurarli spiegandogli in maniera chiara e semplice la situazione.

Al seguente link sono disponibili le informazioni fornite dall'OMS per fare fronte allo stress accumulato durante l'epidemia Covid-19.

Coronavirus - Pillole antipanico

Non aver paura di bere l’acqua del rubinetto perché:

- le acque di rubinetto sono sicure rispetto ai rischi di trasmissione della COVID-19 e non sussistono motivi di carattere sanitario che debbano indurre i consumatori a ricorrere ad acque imbottigliate o bevande diverse;

- le correnti pratiche di depurazione sono efficaci nell’abbattimento del virus, dati i tempi di ritenzione e i fenomeni di diluizione che caratterizzano i trattamenti, uniti a condizioni ambientali che pregiudicano la vitalità dei virus (temperatura, luce solare, livelli di pH elevati); la fase finale di disinfezione consente inoltre di ottimizzare le condizioni di rimozione integrale dei virus prima che le acque depurate siano rilasciate in ambiente;

- allo stato attuale non risultano evidenze di trasmissione della malattia da SARS-CoV-2 a livello di sistemi fognari e trattamento delle acque reflue e non si hanno evidenze di infezione, né per il nuovo Coronavirus né per altri Coronavirus, nel personale esposto professionalmente a reflui, adottando gli ordinari dispositivi di protezione individuale e le correnti norme di sicurezza sui luoghi di lavoro.

Non aver paura di utilizzare il tuo telefono cellulare, gli auricolari o un microfono perché:

- il virus può penetrare se entra direttamente in contatto con le mucose del naso, della bocca e degli occhi.
disinfetta sempre gli oggetti che usi con un panno inumidito con prodotti a base di alcol, acqua ossigenata o candeggina (tenendo conto delle indicazioni fornite dal produttore). Queste sostanze sono efficaci contro il virus.

- lavati bene le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi o con un gel a base di alcol al 60% in particolare dopo aver toccato oggetti sporchi.  Il lavaggio delle mani elimina il virus e previene l’infezione. Il possibile rischio infatti non deriva dal contatto con gli oggetti ma dalla possibile contaminazione delle mani che poi vengono a contatto con le mucose.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

Torna su
CataniaToday è in caricamento