Coronavirus: sintomi, come si trasmette e come proteggersi

Ecco alcune delle linee guida che sono state dettate dal Ministero della Salute riguardo al coronavirus, che si sta diffondendo attualmente nella zona Nord del nostro paese

Vista la situazione, in Italia è fondamentale essere informati su cosa sta accadendo in relazione al 'coronavirus' per capire come comportarsi al meglio.

Ecco quindi un piccolo riassunto su cosa c'è da sapere e su come proteggersi da un possibile contagio secondo le linee guida del Ministero della Salute.

Coronavirus - Cos'è 

Il virus che sta causando l'attuale epidemia appartiene alla famiglia dei coronavirus ed è un ceppo nuovo, mai identificato prima. L'11 febbraio del 2020 il direttore generale dell'OMS ha dichiarato che il nome di questa malattia è COVID-19. CO sta per corona, VI per Virus, D per disease (malattia) e 19 indica l'anno nel quale si è manifestata.

Come si trasmette

E' un virus respiratorio che si può trasmettere da persona a persona dopo aver avuto contatto stretto con una persona infetta (sintomatica o asintomatica). Ad oggi è noto che si può trasmettere tramite la saliva (tosse e starnuti), contatti diretti e personali, e le mani, ossia toccando le mani non ancora lavate con la bocca, naso o occhi. In rari casi il contagio avviene attraverso contaminazione fecale.

Il periodo di incubazione (periodo di tempo che intercorre tra contaggio e lo sviluppo dei sintomi) va dai 2 ai 14 giorni. Normalmente le malattie respiratorie non si possono trasmettere tramite gli alimenti, ma questi devono essere manipolati rispettando le pratiche di igiene ed evitando il contatto tra cibi crudi e cotti. 

Sintomi

- febbre
- tosse
- difficoltà respiratorie

Nei casi più gravi è possibile soffrire di polmonite, sindrome respiratoria grave, insufficienza renale e persino la morte.

Attualmente non esiste nè un trattamento specifico nè un vaccino per il coronavirus, ma la terapia di supporto che viene applicata risulta essere molto efficace.

Coronavirus - Come proteggersi

- lavarsi spesso le mani con acqua e sapone o con soluzioni disinfettanti a base di alcool

- starnutire o tossire dentro un fazzoletto o col gomito flesso

- se si hanno lievi sintomi influenzali o di raffreddamento utilizzare una mascherina usa e getta, buttare i fazzoletti in un cestino chiuso dopo l'uso e lavarsi spesso le mani

- mantenere una distanza di almeno 1 metro dalle persone, soprattutto quando starnutiscono o se hanno la febbre, perchè il virus si può trasferire col respiro a distanza ravvicinata

- evitare di toccarsi naso, bocca ed occhi con le mani

- evitare di mangiare carne cruda o poco cotta, lavare sempre la frutta e la verdura ed evitare di condividere bevande, stoviglie o altro con le altre persone

Sembra inoltre che il coronavirus possa sopravvivere per alcune ore sulle superfici: per cautelarsi è allora necessario utilizzare disinfettanti negli ambienti domestici (a base di alcol o candeggina). 

Se si presenta febbre, tosse o difficoltà respiratorie e si è viaggiato di recente in Cina o se si è stati a stretto contatto con una persona ritornata dalla Cina ed affetta da malattia respiratoria bisogna contattare il numero 1500, istituito dal Ministero della Salute (anche il 112 in Lombardia) senza andare prima in ospedale o dal medico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento