rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Temporary STYLE

Opinioni

Temporary STYLE

A cura di Daria Raiti

Temporary STYLE

Orazio Tomarchio apre le porte della sua maison in stile "Cherie"

Orazio Tomarchio, make-up artist di fama internazionale, ci accoglie nella sua "sartoria" del make up, "La Truccheria Cherie" di via Vittorio Emanuele Orlando a Catania. Ci apre la porta del suo mondo professionale, che già conosciamo. Ma non solo...

Una famiglia matriarcale alle spalle e una profonda sensibilità per l'universo femminile. E' così che Orazio Tomarchio, make-up artist di fama internazionale, ha imparato a coltivare la bellezza con quello che è uno strumento psicologico potentissimo: il make up. Ha truccato star e celebrities come Sofia Loren, Monica Bellucci, Mariagrazia Cucinotta, Robert De Niro, Richard Gere, Bianca Balti, Malika Ayane. Collabora con Acto Sicilia (Alleanza Contro il Tumore Ovarico) aiutando le donne ad affrontare la malattia e a guardarsi allo specchio, con uno sguardo positivo verso il futuro che sarà. 

"La Truccheria Cherie", l'Academy e la linea "Cherie Maquillage" sono le sue creature. Dieci punti vendita in tutta la Sicilia e, tra i progetti futuri, l'apertura a settembre di un'Academy anche a Napoli.

Orazio Tomarchio, dettagli-2

Orazio Tomarchio ci accoglie proprio nella sua "sartoria" del make up, "La Truccheria Cherie" di via Vittorio Emanuele Orlando a Catania. Ci apre la porta del suo mondo professionale, che già conosciamo. Ma c'è aria di cambiamento e di crescita nelle sue parole: "Abbiamo ideato un nuovo format inclusivo e sostenibile con la creazione di esperienze uniche e personalizzate. Il tutto sarà supportato da una comunicazione multicanale dove la relazione è al centro dell'identità aziendale", spiega.

Dentro il suo salotto beauty, il tempo si ferma. Eccentrica come lui, "La Truccheria Cherie" si sviluppa in altezza tra arredi barocchi, cuori sacri e omaggi a santi siciliani. E tantissimi segreti di bellezza.

Il primo piano è uno scrigno dove le sue "ospiti", come le chiama, sono libere di vivere un'esperienza su misura. "Siamo una sartoria del make-up perché realizziamo, sul momento, in boutique il prodotto in base all'incarnato. Inoltre è totalmente ricaricabile: impatto zero e rispetto dell’ambiente. Ogni prodotto che realizzo nasce da un sogno a tratti metafisico che si riflette poi in ogni pack. È un collage di storie e pensieri che si materializzano in immagini per ogni scatola".

Tra salottini segreti, al secondo piano, c'è l'Academy. Qui Orazio forma i truccatori del futuro. Trasmette il sapere, condivide e coinvolge gli esperti del settore per divulgare il suo concetto di bellezza. Riconosciuta a livello internazionale, l'Academy offre anche la possibilità di aprire una "Make up Room La truccheria Cherie" in tutta Italia. 

La Truccheria Cherie

E non finisce qui. Dopo le porte del santuario del make up, Orazio decide di aprirci anche le porte di casa sua: "Maison Cherie" a pochi passi dalla Truccheria. Ci trasferiamo così all'interno di un elegante palazzo in stile ottocentesco. Il black della Truccheria lascia il posto al total white. Una cena intima e speciale, resa unica dalle flower designers Roberta e Vittoria Alfino di Fiorelli Wedding e dal percorso enogastronomico della chef Alessandra Ragusa e delle Cantine Fina di Marsala.

"L'eccesso è la chiave del successo" e anche, ci permettiamo di aggiungere, un modo per trovare il coraggio di essere se stessi sempre e comunque. Questo il "mood" della serata. Ed ecco il menù ideato a quattro mani con la chef Alessandra Ragusa, con incursioni di colore e make up. Le "memorie di Sicilia" sono tenerumi in foglia con un tocco di colore, pigmenti di rossetto rosso. "Le verdure sono importanti mi diceva sempre mia mamma e se le mangiavo tutte, ricevevo un bacio da lei: una stampa rossa che mi riempiva le gote. Da qui l'idea dei rossetti no transfer selezionati appositamente per resistere alla prova di mille baci", racconta Orazio. A seguire, "bagliore di luce". Un tuffo nel Mediterraneo, tra giochi d'acqua e onde: gli spaghetti in guazzetto, lisca croccante e polvere glitterata edibile Cherie Maquillage. "Un ricordo di quelle giornate al mare trascorse in compagnia degli amici più cari". E poi, "profumo di rose" perchè tra i fiori preferiti del make up artist ci sono le rose: "Sono il simbolo della perfezione e della bellezza, fonte di ispirazione per numerosi prodotti firmati Cherie". Il piatto ideato insieme alla chef Ragusa è una trilogia con la tartare di tonno, chutney di ciliegie ed essenza di rose. Un crescendo di sapori con cous cous di polpo e salsa avocado, accompagnati dall'orto siciliano con salsa di cipolle vanigliate. E, per chiudere, veli di sposa oro e gelsomino con una sorpresa finale. Un rossetto al cioccolato di Modica, tutto da mordere! 

Maison Cherie e "Il Make up è servito"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orazio Tomarchio apre le porte della sua maison in stile "Cherie"

CataniaToday è in caricamento