Bonus condizionatori 2019: come funziona

Anche quest'anno è prevista una detrazione fiscale per coloro che hanno intenzione di acquistare un nuovo climatizzatore a risparmio energetico. Ecco tutto quello che c'è da sapere

Così come accaduto nel 2018 anche nel 2019 è previsto per i cittadini il cosidetto 'bonus condizionatori'.

E' una agevolazione che spetta a tutti i cittadini sia in caso di ristrutturazione edilizia che senza quest'ultima. Spetta inoltre anche alle imprese che abbiano effettuato la sostituzione di un impianto di riscaldamento in un negozio, capannone o altra attività commerciale. 

Requisiti

- l'acquisto del condizionatore deve essere documentato, ossia deve essere pagato con bonifico bancario ordinario o postale o con bonifico bonario parlante;

- l'acquisto deve mirare al risparmio energetico, alla riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento, al miglioramento termico dell'edificio, all'installazione di pannelli solari o alla sostituzione di impianti di climatizzazione invernale. 

Le ricevute dei pagamenti e le relative fatture valgono a tutti gli effetti come documentazione fiscale. 

Bonus condizionatori - Diversi tipi di detrazione 

Bonus condizionatore con ristrutturazione edile: detrazione al 50% con tetto di spesa fino ad € 96.000 fino al 31 dicembre 2019 se il nuovo impianto è a pompa di calore o comunque mira al risparmio energetico. Si aggiunge una riduzione IVA al 10%. Vale solo per condomini o unità immobiliari.

Bonus climatizzatori risparmio energetico: detrazione al 65% con tetto di spesa fino ad € 46.154 per l'acquisto di condizionatori con pompa di calore che sostituiscono l'impianto esistente. Vale per abitazioni, uffici, negozi.

Bonus condizionatori con bonus mobili con ristrutturazione: detrazione del 50% quando viene realizzata una ristrutturazione straordinaria su condomini ed al contempo vengono acquistati mobili ed elettrodomestici A+, climatizzatori compresi.

Bonus condizionatori senza ristrutturazione: detrazione del 65% con tetto di spesa fino ad € 46.154 anche nel momento in cui venga sostituito il vecchio impianto di riscaldamento con una nuova pompa di calore ad alta efficienza dal punto di vista energetico. 

Essendo il condizionatore considerato al giorno d'oggi come un bene significativo è prevista l'applicazione dell'IVA al 10%, ma solo sulla differenza tra il valore totale del servizio ed il costo del condizionatore. € 3.200 costo del condizionatore, € 800,00 costo della manodopera. Sul valore residuo ed effettivo del climatizzatore l'IVA restante sarà sempre al 22%.

Per avere maggiori informazioni ed istruzioni per richiedere il Bonus Condizionatori 2019 è possibile consultare la guida pubblicata sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate: Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casa: come eliminare la sabbia

  • Casa: cosa fare prima di partire per le vacanze

Torna su
CataniaToday è in caricamento