Ecobonus: 110% di detrazione, rimborso in 5 rate

Nel nuovo decreto che verrà emanato dal Governo è prevista nuovamente la figura dell'ecobonus, ma potenziato fino ad una percentuale del 110%

Tra le misure previste dal nuovo decreto del Governo che verrà emanato entro domenica prossima c'è anche il nuovo ecobonus.

Si tratterà di una detrazione fiscale del 110% sulle spese di efficientamento energetico e messa in sicurezza degli edifici sulle spese sostenute entro il 31 dicembre 2022 (provvedimento ad hoc per le famiglie e le imprese edili in difficoltà dopo l'emergenza Coronavirus). 

Rispetto all'attuale ecobonus viene modificata la misura dell'agevolazione (attualmente si va dal 50 al 75%) e vengono diminuiti i tempi di rimborso (cinque anni anzichè dieci).

Ci saranno però restrizioni che riguardano i soggetti beneficiari e le tipologie di immobile interessate. Il maxi bonus varrà solo per le persone fisiche, per le abitazioni condominiali o per quelle indipendenti ma che rappresentano la prima casa del contribuente (l'ecobonus attuale si applica ai soggetti Ires ed a qualunque immobile).

Tra i principali interventi che verranno effettuati rientrano sicuramente la coibentazione esterna degli edifici, la sostituzione degli impianti di climatizzazione con impianti di elevata efficienza (limite di spesa di € 48.000,00) e l'installazione di pannelli fotovoltaici (con obbligo di cessione al GSE dell'energia autoprodotta e non consumata). Il miglioramento dovrà essere di almeno due classi energetiche per poter usufruire dell'ecobonus.

Il maxibonus si potrà ottenere anche quando si chiederà l'installazione di colonnine di ricarica per le auto elettriche e per le opere di consolidamento antisismico. 

Per ottenerlo le fatture dovranno essere pagate con bonifico parlante e tutta la documentazione di carattere tecnico dovrà essere inviata all'Enea insieme ad una relazione sulla congruità dei costi sostenuti. 

Sarà inoltre possibile per il contribuente poter cedere il credito fiscale ad una banca o all'impresa fornitrice, che diventerà titolare dell'agevolazione o potrà cederla a propria volta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stendino in casa: i modelli e come asciugare al meglio

  • Piante ornamentali facili da curare: quali sono

  • Cabina armadio in casa: come realizzarla al meglio

  • Rivestimenti antischizzo per cucina: tutte le soluzioni

  • Addobbo albero di Natale: idee e colori di tendenza

  • Inquinamento domestico: come ridurlo al minimo

Torna su
CataniaToday è in caricamento