Venerdì, 30 Luglio 2021
Sicurezza

Cappe da cucina: caratteristiche e tipologie

La cappa è un elemento che non può mancare nelle nostre cucine, essendo la sua presenza prevista dalla legge

Tra gli elettrodomestici che non possono mancare in cucina (anche perchè obbligatoria per legge) c'è sicuramente la cappa.

La sua funzione è quella di liberare l'ambiente interno da fumi, vapori ed eventuali agenti inquinanti. Per essere a norma deve avere la stessa larghezza del piano cottura (tra 60 cm e 120 cm) ed essere montata ad una distanza dai fornelli tra 65 e 90 cm. La rumorosità consentita è invece tra i 50 ed i 70 decibel.

Cappa - Caratteristiche e tipologie

Aspirante - L'aria viene purificata passando attraverso un sistema di filtri antigrasso (in alluminio o acciaio). Pulita dalle scorie, l'aria viene portata all'esterno attraverso la canna fumaria.

Filtrante - Viene installata nelle cucine che non hanno il tubo per la ventilazione verso l'esterno. L'aria viziata viene prelevata, purificata da odori e fumi e restituita pulita. Per essere a norma di legge deve essere però abbinata agli elettroventilatori.

A parete - Si utilizza nelle cucine che si sviluppano lungo il muro (in acciaio inossidabile)

Ad isola - Viene sospesa ed ancorata al soffitto

Ad incasso - E' montata nelle cucine che hanno il piano cottura a ridosso dell'angolo

Ad incasso interna - La cappa viene montata all'interno di un pensile e quindi non è a vista ma coperta dall'alta del mobile

L'installazione della cappa, per far sì che possa funzionare al meglio, deve essere necessariamente effettuata da personale specializzato. La sua manutenzione invece dipende dai filtri: quelli a carboni devono essere cambiati ogni 3 mesi, i filtri metallici hanno invece bisogno solamente di una pulizia periodica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cappe da cucina: caratteristiche e tipologie

CataniaToday è in caricamento