Odore di fritto in casa? Come evitarlo

Esistono alcuni piccoli espedienti attraverso i quali è possibile poter evitare di portarsi appresso l'odore di fritto in casa dopo che si è cucinato

A tutti è capitato, dopo aver cucinato qualcosa di fritto, di avere diffuso in casa un forte odore capace di impregnare tende, cuscini e divani.

Esistono però alcuni accorgimenti attraverso i quali è possibile togliere dalla nostra casa l'odore di fritto in modo veloce e naturale.

Odore di fritto in casa - Consigli per eliminarlo

- utilizzare per la frittura olio di qualità non utilizzato in una precedente frittura; il cattivo odore spesso deriva da oli scadenti ed utilizzati più volte

- prima di friggere buttare in padella insieme all'olio una fetta di mela e toglierla non appena comincierà a dorarsi; sostituirla poi successivamete con un'altra fetta

- mettere a bollire, accanto alla padella con la frittura, una pentola con acqua ed aceto (l'aceto può essere di vino o meglio ancora di mele)

- versare nell'olio una piccola fetta di limone o spremere un po' di limone

- altri alimenti che possono tenere sotto controllo l'odore del fritto sono il prezzemolo (aggiungerne un mazzetto in fase di cottura) o i chiodi di garofano (possono essere utilizzati al posto dell'aceto)

- azionare sempre la ventola sopra i fornelli per aspirare l'odore il prima possibile 

- chiudere la porta della cucina per evitare che l'odore possa diffondersi in tutta la casa ed aprire al contempo la finestra o il balcone su cui affaccia la cucina

- utilizzare delle friggitrici ad aria, che hanno bisogno di meno olio e producono quindi meno cattivo odore

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stendino in casa: i modelli e come asciugare al meglio

  • Piante ornamentali facili da curare: quali sono

  • Cabina armadio in casa: come realizzarla al meglio

  • Rivestimenti antischizzo per cucina: tutte le soluzioni

  • Addobbo albero di Natale: idee e colori di tendenza

  • Inquinamento domestico: come ridurlo al minimo

Torna su
CataniaToday è in caricamento