rotate-mobile
Sicurezza

Come comportarsi in caso di allagamento in casa

Gli allagamenti e le perdite d’acqua in casa sono più comuni di quello che si pensa: ecco come affrontare il problema

L'allagamento del proprio appartamento è un evento alquanto fastidioso che può capitare a tutti e che può dipendere da infiltrazioni o piogge abbondanti, rottura di una tubatura, intasamento di uno scarico.

Nel momento in cui si verifica è bene porre in essere una serie di accorgimenti che potranno rendere la situazione meno gravosa e pericolosa.

Allagamento - Cosa fare 

Chiudere impianto dell'acqua - In questo modo (quando l'allagamento non è causato da condizioni atmosferiche) si interrompe il flusso e si evita di peggiorare la situazione. Dopo aver indossato stivali di gomma e guanti si deve staccare la corrente elettrica. Se il contatore si trova in un ambiente già invaso dall'acqua, meglio contattare un elettricista.

Identificazione della causa del danno - La perdita d'acqua, oltre che dalle tubature, può entrare dal tetto, dipendere dalla perdita dell'appartamento dei vicini o da punti di pressione che sono male sigillati. Per questo motivo bisogna saper individuare dove si trova il problema ed una volta individuato agire in autonomia se è di lieve entità, contattare gli esperti del caso se la situazione è più grave (ad esempio l'ambiente è invaso da acque sporche dove ci possono essere detriti e liquami nocivi).

Rimuovere l'acqua in eccesso - Lo si può fare con stracci, secchi e spugne ed asciugare il pavimento. Se il livello dell'acqua è già alto meglio ricorrere ad un bidone aspira liquidi o ad una pompa idraulica che si spegne solamente quando è stata raccolta tutta l'acqua.

Pavimento - Se l'allagamento è stato causato dalla pioggia bisogna lavarlo con cura ed utilizzare della candeggina per poter essere efficace nel rimuovere tutti i germi ed i batteri. 

Asciugare i mobili - Per scongiurare la comparsa della muffa bisogna svuotarli, pulirli in modo accurato, asciugarli (lasciando aperte le finestre o utilizzando un deumidificatore). Gli elettrodomestici invece devono essere lavati ed asciugati all'aria aperta e non devono essere utilizzati fino a quando non sono completamente asciutti. 

Tessuti ed imbottiti - Poltrone, divani, cuscini, materassi, se molto inzuppati, sono molto difficili da recuperare e quindi devono essere buttati (soprattuto in caso di fango).I tessuti basta invece che siano lavati per un paio di volte ad alte temperature con detersivo e disinfettante.

Pareti - Possono essere asciugate aprendo le finestre o utilizzando un deumidificatore. Se ci sono rivestimenti come cartongesso o carta da parati si dovrebbero rimuovere per poter consentire alla parete di asciugarsi. Una volta asciutta la parete, bisogna lavare il muro anche nella zona che non è stata colpita dall'acqua. Successivamente sarà bene contattare un professionista che valuterà se si deve utilizzare o meno un antimuffa.

Prodotti online

Bidone aspira solidi e liquidi

Pompa idraulica elettrica 

Prodotti antimuffa

Deumidificatore

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come comportarsi in caso di allagamento in casa

CataniaToday è in caricamento