Cucina senza cattivi odori? I rimedi naturali

Esistono particolari accorgimenti attraverso i quali è possibile avere una cucina non solo perfettamente pulita ma anche senza cattivi odori

La cucina è il luogo della casa dove si passa la maggior parte del tempo, a maggior ragione quando si è appassionati e si cucinano dolci e/o altre pietanze per familiari ed amici.

C'è però da dire che al contempo quando si prepara c'è da fare i conti con i residui del cibo che incrostano ciotole e teglie ed anche con l'odore che ne deriva, non sempre piacevole. 

Per questo motivo ecco di seguito alcuni consigli che possono tornare utili e che permetteranno di avere sempre una cucina pulita e senza cattivi odori.

Odore di grasso - Far scaldare in una pentola due bicchieri di aceto bianco permetterà di eliminare qualunque residuo di grasso che si forma in cucina. L'aceto è inoltre utile per lavare pentole e padelle incrostate: bisogna far bollire le stoviglie con aceto, acqua e scorza d'arancia.

Residui di spazzatura - La presenza della pattumiera sotto il lavello della cucina spesso comporta la presenza di un odore poco piacevolte in casa. Per evitare il disperdersi del cattivo odore basta inserire in fondo alla busta un po' di bicarbonato di sodio e qualche goccia di limone.

Cucinare e pulire - Per evitare di impregnare l'ambiente di cattivi odori bisognerebbe avere la buona abitudine di cucinare e di pulire subito dopo tutte le stoviglie, magari utilizzando un panno imbevuto di aceto.

Tubo di scarico - Prima di mettere le stoviglie dentro il lavandino è preferibile gettare gli avanzi nella spazzatura per evitare che si possa intasare il tubo di scarico. Se il tubo risulta troppo carico di residui, per risolvere il problema utilizzare tre bicchieri di acqua bollente ed un cucchiaino di bicarbobato (da versare dentro la tubatura).

Mani profumate - Aglio, pesce e cipolla rendono le mani emanatrici di odori poco gradevoli. Anche in questo caso il problema può essere risolto strofinando le mani con mezzo limone.

Forno a microonde - Il forno va pulito spesso, magari utilizzando un panno imbevuto di aceto. Per evitare che i diversi cibi che vengono riscaldati lascino il loro odore all'interno è invece preferibile utilizzare ogni tanto un recipiente di acqua calda all'interno del quale vanno inseriti quattro spicchi di limone.

Tagliere - Se non viene pulito in modo accurato dopo essere stato utilizzato per affettare salumi, formaggi e quant'altro può emanare cattivi odori. Mescolare del succo di limone con un pizzico di sale e passarlo sulla superficie per farlo tornare come nuovo e con un odore gradevole.

Spugne - Sono sempre a contatto non solo con macchie ma anche con scarti di cibo. Per questo motivo prima di essere utilizzate devono essere sciacquate accuratamente con acqua calda e se si vogliono eliminare anche i batteri vanno al termine del loro utilizzo messe ad asciugare al sole.

Frigorifero - Acqua ed aceto sono essenziali per effettuare una pulizia dei diversi ripiani.  Per far sì che gli odori all'interno possano non essere eccessivi bisogna sistemare nelle diverse zone quattro spicchi di limone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sostituzione infissi: come ottenere lo sconto in fattura

  • Cancello arrugginito? Ecco la soluzione

  • Costruire casa - Cinque cose di cui tenere conto

  • Casa - Come arredarla in stile 'industriale'

  • Salotto - Ecco le tendenze per il 2021

  • Come modificare una finestra in un balcone

Torna su
CataniaToday è in caricamento