rotate-mobile
Utenze

Pannelli termoriflettenti - Pro e contro

Uno strumento da utilizzare per ridurre la dispersione di calore nelle stanze e conseguentemente anche i costi in bolletta è quello dei pannelli termoriflettenti.

Capita infatti spesso che i caloriferi arrivino a disperdere fino al 40% del calore a causa della loro posizione alll'interno delle camere (spesso si trovano in prossimità di finestre o balconi e su pareti poco isolate e soggette alle temperature esterne).

Pannelli termoriflettenti - Cosa sono

Sono caratterizzati da una superficie argentata che riflette il calore ed aumenta l'efficienza del termosifone del 10%. Possono essere multistrato a bolle (formati da bolle d'aria con doppia lamina in alluminio) o multistrato composto (hanno al loro interno una pellicola di alluminio riflettente mista a materassini in PE espanso).

Possono essere utilizzati nei solai (solamente nel momento in cui si ha un riscaldamento a pavimento) o nei tetti e sottotetti (sono efficaci con ogni condizione climatica perchè in estate respingono i raggi del sole ed in inverno trattengono il calore).

Non devono essere applicati a contatto con le superfici, ma vanno posizionati su un supporto. Una volte prese le misure e tagliato il pannello, per mantenerlo fermo si utilizzano chiodi o colla. Infine bisogna praticare due tagli in corrispondenza dei ganci che servono a sorreggere il termosifone ed inserire il pannello dal basso.

Pannelli termoriflettenti - Pro e contro

Pro - Riscaldamento più veloce, materiale leggero, facilità di trasporto, semplicità di posa d'opera, costi bassi ed ottimo rapporto qualità/prezzo

Contro - Possono creare condensa quando vengono posizionati all'esterno, creano spesso delle schermature magnetiche e non sono in grado di regolare l'umidità di casa 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pannelli termoriflettenti - Pro e contro

CataniaToday è in caricamento