Luce, gas, telefono: come disattivare le utenze

Quando si sta per cambiare casa è bene procedere in maniera tempestiva alla cessazione dei diversi contratti di utenza presenti

Nel momento in cui si deve cambiare casa, oltre a pensare all'organizzazione del trasloco non dobbiamo dimenticare la necessità di disdire tutte le utenze (luce, gas, ADSL) che sono attualmente presenti. 

Disattivazione contratto di energia elettrica o gas: cosa fare e documenti necessari

- documentazione: codice fiscale e carta di identità, codice cliente, POD per la luce (il codice fiscale della bolletta), PDR per identificare l'utenza del gas, recapito della fattura di conguaglio finale, data di disattivazione della fornitura e autolettura del contatore

- richiesta di disattivazione al proprio venditore, che dovrà successivamente inoltrarla al distributore entro 48 ore lavorative. Il distributore dovrà poi procedere alla chiusura entro 5 giorni lavorativi dalla data di ricevimento della richiesta. 

- la richiesta deve essere inviata con un preavviso non superiore ai 30 giorni tramite fax, telefono o e-mail. 

- nel momento in cui non vengano rispettati i tempi di disattivazione si potrà ottenere un rimborso che varierà al variare del ritardo sia per quanto riguarda la luce che per quanto riguarda il gas. 

- costi di disattivazione: per la luce c'è un costo fisso di 23 euro per chi non ha cambiato fornitore, mentre il costo varia per chi invece ha aderito al mercato libero. Per quanto riguarda il gas c'è un prezziario che è stabilito dal distributore o da chi regola il servizio. 

Disattivazione linea telefonica o contratto ADSL 

- inviare richiesta di disattivazione tramite raccomandata a/r ed anche via fax per accelerare le cose ricordandosi di citare la legge 40 del 2007 (disattivazione di un servizio). Chiedere anche conferma di ricezione della comunicazione. 

- per disdire un contratto ADSL occorre inviare una raccomandata a/r con ricevuta di ritorno al servizio clienti del gestore, accompagnata ad una dichiarazione scritta che non è altro che un modulo per la disdetta e da copia del documento di identità. La domanda per l'interruzione del servizio deve essere effettuata almeno 30 giorni prima. 

- dopo il decreto Bersani non esistono più le penali, ma ci sono dei costi di disattivazione in caso di disdetta in anticipo che variano a seconda dell'azienda. Bisogna anche considerare la necessità di restituire i dispositivi in comodato d'uso o di versare il corrispettivo del prezzo se è previsto dal contratto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cabina armadio in casa: come realizzarla al meglio

  • Rivestimenti antischizzo per cucina: tutte le soluzioni

  • Cucina con isola? Vantaggi e svantaggi

  • Piante ornamentali facili da curare: quali sono

  • Addobbo albero di Natale: idee e colori di tendenza

  • Stendino in casa: i modelli e come asciugare al meglio

Torna su
CataniaToday è in caricamento