CataniaToday

Come mangiare correttamente un arancino catanese: punta su o giù?

Vi sveliamo un segreto, che i migliori banconisti catanesi conoscono dalla notte dei tempi: l'arancino va mangiato a testa in giù!

Che sia al ragù, al burro o agli spinaci, ogni arancino (perchè a Catania è maschio) merita di essere consumato nel migliore dei modi. Venuto al mondo da una palla di riso farcita di sugo e filante mozzarella, non merita certo di finire spiaccicato a terra o essere ritenuto 'scadente' perchè il condimento lo avete gustato male, magari sporcandovi la camicia.

Per la vostra sicurezza ed integrità morale, vi sveliamo un segreto, che i migliori banconisti catanesi conoscono dalla notte dei tempi: l'arancino va mangiato a testa in giù! No, non dovrete mettervi con i piedi in aria... Ma semplicemente rivolgere verso il basso la punta dorata del pezzo di tavola calda più amato di sempre, in modo tale che il condimento scivoli delicatamente verso il basso.

Noterete, e non è un caso, che la vostra mano si adatterà piacevolmente alla forma capovolta dell'arancino. E quella punta, prima bianca e insipida, diventerà qualcosa di simile al cono gelato: un concentrato di gusto eccezionale! Se proprio dobbiamo commettere peccato, facendo un dispetto alla bilancia, cerchiamo almeno di goderci fino in fondo il nostro momento di perdizione gastronomica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come mangiare correttamente un arancino catanese: punta su o giù?

CataniaToday è in caricamento