Cronaca

Coronavirus, a Catania 66 nuovi positivi: la Sicilia è la regione con più casi in ospedale

In totale sono 259 i nuovi positivi sull'Isola. Molto alto il numero di tamponi processati, 7.374. In sicilia il dato più alto di ospedalizzati: l'11,5%, rispetto alla media nazionale poco superiore al 6. Ma a marzo era ricoverato il 37% dei positivi

Altro record di tamponi fatti, altro record giornaliero di nuovi positivi in Sicilia: 259 casi scoperti su 7.374 test (3,5%). Che i due dati siano strettamente collegati non c'è dubbio. Ma che il virus abbia ormai ricominciato a circolare - forse di più che nella primavera scorsa, almeno sull'Isola - è altrettanto fuor di dubbio. Boom di casi in provincia di Palermo (131), che resta la più colpita con 2.483 contagiati dall'inizio della pandemia, mentre nella provincia etnea si registrato 66 casi in più.

Ci sono altre tre vittime, ma giusto anche evidenziare i 109 guariti. Situazione stabile negli ospedali rispetto a ieri: i ricoverati con sintomi sono 376 (+1), ai quali si aggiungono 33 pazienti in terapia intensiva (+3). Gli attuali positivi sono 3.696, di questi 3.287 sono a casa.

Nuova ondata Covid19, partecipa al sondaggio Demopolis

Sicilia regione con più casi ospedalizzati

La Sicilia con l'11,5% (aggiornato al dato di ieri ndr) è la regione italiana con la maggiore percentuale dei casi di Coronavirus in ospedale, una cifra nettamente superiore alla media nazionale del 6,6%, seguono la Liguria (10,4%) Lazio (9,9%), Puglia (8,9%), Piemonte (8,6%), Abruzzo (8,2%), Basilicata (7,9%). Lo rivela il monitoraggio della Fondazione Gimbe che sottolinea come "da fine luglio si rileva in Italia un incremento dei pazienti ricoverati con sintomi e in terapia intensiva, che sono aumentati rispettivamente da 732 a 3.625 e da 49 a 319 

C'è da osservare però che Il 28 marzo  - giorno dove si sono registrati più contagi in Sicilia durante il lockdown (175 su 1.164 tamponi fatti) - i ricoverati erano 414 su 1.095 positivi in quel momento. In percentuale erano dunque il 37%. E' facilmente intuibile quindi come sei mesi dopo da un punto di vista medico il virus sembra più facilmente controllabile. 

"Se il dato nazionale - dice il presidente della Fondazione Nino Cartabellotta - non lascia intravedere alcun sovraccarico dei servizi ospedalieri, iniziano ad emergere differenze regionali rilevanti". In particolare, al 6 ottobre ben 8 regioni registrano tassi di ospedalizzazione per 100.000 abitanti superiori alla media nazionale di 6,5: Lazio (13,9), Liguria (13), Campania (9,2), Sardegna (8,8), Sicilia (7,9), Piemonte (7,1), Abruzzo e Puglia (6,6).

Le parole dell'assessore Razza 

L'assessore regionale alla Salute Ruggero Razza ha commentato così i dati odierni: "Oggi crescono di quattro unità i ricoveri, aumentano di 259 i positivi. Oltre 7400 tamponi, cui si aggiungono i tamponi rapidi e i test sierologici. È una buona risposta alla strategia di ricerca capillare dei positivi che stiamo affinando giorno dopo giorno. Non mi spaventa che cresca la platea degli asintomatici: più ne cerchiamo, più ne troveremo. È molto importante, invece, che si lavori - come stiamo facendo -  sul turnover ospedaliero, che si aprano aree a bassa intensità di cure e che si lavori sugli screening territoriali. E, soprattutto, che ogni cittadino uniformi i propri comportamenti al rispetto delle regole".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, a Catania 66 nuovi positivi: la Sicilia è la regione con più casi in ospedale

CataniaToday è in caricamento