A scuola con la Gdf, un progetto per l'educazione alla legalità economica

Alla presenza dei numerosi alunni e insegnanti, le unità cinofile antidroga della Finanza hanno dato pratica dimostrazione dell’attività di controllo che i cani riescono ad eseguire

Presso l’Istituto Comprensivo Statale “Maria Montessori” di Caltagirone si è tenuto un incontro tra gli alunni e le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Catania per parlare di cultura della legalità economica nell’ambito della sesta edizione del Progetto. Nel corso dell’incontro, il Comandante del Gruppo della Guardia di Finanza di Caltagirone ha illustrato le finalità dell’iniziativa che trae origine da un Protocollo d’intesa tra il Comando Generale della Guardia di Finanza ed il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca realizzato per promuovere, nell’ambito dell’insegnamento “Cittadinanza e Costituzione”, un programma di attività a favore degli studenti della scuola primaria e secondaria.

Alla presenza dei numerosi alunni e insegnanti, le unità cinofile antidroga della Finanza hanno dato pratica dimostrazione dell’attività di controllo che i cani, grazie allo specifico addestramento, riescono ad eseguire fiutando lo stupefacente anche all’interno dei bagagli. Grande attenzione ed entusiasmo hanno suscitato le dimostrazioni delle unità cinofile in forza alla Stazione del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Nicolosi, addestrate alla ricerca di persone disperse in luoghi boschivi, in valanga o tra le macerie.

L’intento del Progetto, che anche per l’anno scolastico 2017/2018, ha previsto l’organizzazione, a livello nazionale, di incontri presso le scuole orientati a: - creare e diffondere il concetto di “sicurezza economica e finanziaria”; - affermare il messaggio della “convenienza” della legalità economico-finanziaria; - stimolare nei giovani una maggiore consapevolezza del delicato ruolo rivestito dal Corpo, quale organo di polizia vicino a tutti i cittadini, di cui tutela il bene fondamentale delle libertà economiche, è quello di far maturare la consapevolezza del valore della legalità economica, con particolare riferimento alla prevenzione dell’evasione fiscale e dello sperpero di risorse pubbliche, delle falsificazioni, della contraffazione, nonché dell’uso e dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Al Progetto è abbinato un concorso denominato “Insieme per la legalità” che ha lo scopo di sensibilizzare i giovani, tramite il coinvolgimento delle scuole, sul valore civile ed educativo della legalità economica, nonché in merito alle attività svolte dal Corpo in tali settori, favorendo la loro espressione libera, creativa e spontanea sulla tema.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

Torna su
CataniaToday è in caricamento