Abbassamento delle temperature e pericolo di incendi nei campi rom

"L’opera di tante associazioni è un segnale importante, ma non basta", è quanto dichiara Salvatore Tomarchio, presidente della commissione comunale al Patrimonio

L’abbassamento delle temperature e il conseguente aumento del freddo è un problema che l’amministrazione comunale deve affrontare in ogni suo aspetto. "L’opera di tante associazioni è un segnale importante, ma non basta", è quanto dichiara Salvatore Tomarchio, presidente della commissione comunale al Patrimonio che, nel corso delle tante sedute itineranti, all’interno di campi rom e degli immobili abbandonati occupati dai senza tetto e sparsi per tutta la città, ha avuto modo di appurare che in questi luoghi si trovano bombole, stufe e cucine realizzate in modo assolutamente artigianale e senza nessun tipo di sistema di sicurezza.

Da qui il rischio che, sopratutto la sera per proteggersi dal fretto, un piccolo fuoco possa sfuggire al controllo di coloro che lo hanno acceso e trasformarsi in pochi minuti un rogo di vaste dimensioni alimentato dalle montagne di stracci ed ogni altro tipo di materiale infiammabile.

"Uno scenario già verificatosi tre anni fa all’interno dell’ex fabbrica di zolfo del viale Africa che, ancora oggi, offre riparo a tanti senza tetto. In quell’occasione la scintilla fu causata da una cucina di fortuna ma il risultato in sostanza non cambia: viale Africa chiusa a causa delle alte fiamme e un intero quartiere costretto ad affrontare un’ enorme emergenza che solo grazie al pronto intervento delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco non si è trasformata in completa tragedia", dichiara Tomarchio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oggi la paura è che rom e senza tetto, sopratutto nelle periferie della città, possano bruciare materiali infiammabili di ogni tipo per evitare di morire assiderati. "Ecco perchè chiedo a Palazzo degli Elefanti che si monitorizzi questa situazione, si facciano le opportune verifiche nelle strutture comunali abbandonate e riconvertite in “hotel per disperati” e si offra aiuto diretto a quelle persone costrette a vivere nella totale indigenza", conclude Tomarchio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento