Cronaca

Accoglienza migranti e immobili abbandonati: "Creare una sinergia tra Comune e Curia"

La proposta arrivata dal presidente della commissione comunale al Bilancio, Vincenzo Parisi, prevede un "progetto che comporti l'accoglienza di migliaia di migranti ospitandoli in immobili comunali abbandonati, immobili da recuperare affidandoli alla curia etnea"

Sinergia tra il comune di Catania e la Curia attraverso un progetto che preveda l’accoglienza di migliaia di migranti e, al tempo stesso, comporti il recupero definitivo di molti immobili comunale abbandonati da anni e preda di vandali o ladri. E' questa la proposta arrivata dal presidente della commissione comunale al Bilancio Vincenzo Parisi che lancia l’idea al Sindaco Bianco di "affidare temporaneamente i grandi impianti, come le palazzine di via Bernini, in modo assolutamente gratuito oppure in cambio di cifre puramente simboliche, alla Curia catanese che avrebbe il compito di ristrutturare gli immobili che la cittadinanza non ha mai utilizzato".

"In particolare, per gli edifici di Picanello, - dichiara Parisi - si parlerebbe, dopo averli adeguatamente riqualificati, di decine di appartamenti che potrebbero accogliere in modo dignitoso centinaia di migranti. Un progetto estendibile a tante altre strutture etnee che nel corso dei mesi sono state prese di mira dai delinquenti. In questo modo si arriverebbe al duplice scopo di conferire una sistemazione adeguata a tanti poveri disperati che fuggono da situazioni estreme e alla città di Catania di veder rinascere impianti rimasti inaccessibili per anni"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accoglienza migranti e immobili abbandonati: "Creare una sinergia tra Comune e Curia"

CataniaToday è in caricamento