Accordo siglato tra Dusty e sindacati: 31 lavoratori verso la stabilizzazione

L’amministratore Rossella Pezzino de Geronimo: "Impegno mantenuto attraverso un piano lungimirante di azioni"

La trattativa è stata completata con esito positivo: Dusty srl e i sindacati Fp Cgil, Usb, Fast Confsal e Fit Cisl, hanno firmato l'accordo aziendale che prevede il passaggio di assunzione da tempo “determinato” a “indeterminato” per 31 lavoratori, impiegati nell’ambito dell’appalto dei servizi di igiene ambientale per il Comune di Catania. Una stabilizzazione che "le parti intendono programmare e disciplinare in modo obiettivo – si legge nel documento – definendo anche una eventuale incentivazione di occupazione giovanile attraverso una strategia che propone l'assunzione di figli (o parenti fino al secondo grado) dei lavoratori che hanno manifestato il consenso all’esodo anticipato". L’accordo prevede infatti un programma graduale di azioni affinché le esigenze dei lavoratori e quelle dell'azienda possano conciliarsi nei limiti delle previsioni del contratto d’appalto. "Abbiamo mantenuto l'impegno – afferma l'amministratore di Dusty Rossella Pezzino de Geronimo – Si tratta di un accordo lungimirante, perché è inserito all'interno di un piano aziendale che stiamo attuando nel tempo, perseguendo quegli obiettivi indicati proprio nelle prime righe dell’accordo: “salvaguardia dell'occupazione e delle professionalità acquisite da parte dei lavoratori”, e “opportunità di efficientamento della forza lavoro mediante l'apporto di occupazione giovanile”".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento