Identificati e messi in quarantena i francesi della "Renault 4"

L'auto ha girato per gran parte dell'Italia e ieri ha attraversato impunemente lo stretto di Messina per fare tappa nel Comune di Aci Castello

E' diventata ormai famosa la Renault 4 che ha attraversato gran parte dell'Italia e che la scorsa notte è arrivata in Sicilia. Il mezzo, stracolmo di roba, si trovava sul traghetto che ha attraversato lo Stretto e che ha fatto infuriare le polemiche politiche per l'inosservanza delle recenti disposizioni per contenere il contagio.

Il video dei francesi arrivati in Sicilia

L'auto è stata avvistata ad Aci Trezza e il Comune ha fatto chiarezza: il sindaco si è recato sul posto con vigili urbani e carabinieri e sono state identificate in totale sei persone, di nazionalità francese e spagnola, e sono state poste in quarantena presso l’abitazione che hanno a disposizione nel comune etneo. Tre di loro infatti erano già presenti da qualche mese ad Aci Castello e gli altri tre sono arrivati a bordo della Renault 4. Le forze dell’ordine hanno provveduto ad emettere le sanzioni previste dalla legge.

"Inoltre abbiamo chiesto alla Caritas di poter provvedere al recapito a domicilio degli stessi dei beni alimentari di cui hanno necessità, vista la quarantena. E’ stato disposto il controllo della quarantena come previsto dalla legge. Stiamo procedendo con ulteriori accertamenti per successivi provvedimenti", ha spiegato in una nota su Facebook il Comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento