Aci Castello, riapre il Mama Sea: accettato il ricorso al Tar

Il locale aveva fatto ricorso al Tar in seguito alla chiusura disposta dalla questura dopo il grave incidente avvenuto il 6 luglio davanti la discoteca

"Il Mama Sea oggi riapre su ricorso del Tar... Dovrebbe essere un risultato gradito ma nei fatti non lo è perchè prima di festeggiare riteniamo giusto dare un segnale a tutti i giovani ! Dobbiamo ricordarci che prima di ogni divertimento c'è il rispetto della vita umana e la lotta contro ogni forma di violenza". Così sulla pagina Facebook del locale, la direzione ha annunciato la possibilità di riapire le porte serali del locale, dopo lo stop imposto dalla Questura, in seguito al grave incidente avvenuto il 6 luglio scorso davanti alla discoteca.

"ll nostro pensiero va soprattutto a quei due ragazzi che stanno lottando per la loro vita. Per tale motivo - continua la direzione nel post pubblicato ieri sera su Facebook - stasera 13 luglio rimarremo chiusi con la speranza che il nostro segnale arrivi nei cuori di tutti noi... E ricordiamoci che se vogliamo che questa società cambi i primi a cambiare dobbiamo essere noi!". Il Mama Sea, nonostante l'ok del Tar ha scelto dunque di rimanere per una sera simbolicamente chiuso, nel rispetto dei due giovani gravemente feriti nell'incidente provocato da Francesco Guardo dopo una probabile lite nel locale di Aci Castello. Uno di loro si trova a lottare ancora tra la vita e la morte nel reparto di rianimazione dell'ospedale Cannizzaro, l'altro ha riportato una frattura al bacino.

Il Mama Sea, sempre tramite la propria pagina Facebook, ha voluto precisare che lo stabilimento balneare a differenza della discoteca, è stato e rimane normalmente aperto tutti i giorni dalle 9 alle 19.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento