Aci Catena, arrestati gli autori della tentata rapina all’Unicredit

Il rapinatore, secondo l’accusa, con l’aiuto di un complice, si allontanò immediatamente dal posto. Il quadro probatorio raffigurato dagli investigatori, peraltro pienamente condiviso dal magistrato inquirente, ha convinto il GIP del Tribunale di Catania ad emettere un’ordinanza di custodia cautelare, ai domiciliari, nei confronti dei presunti rapinatori

I carabinieri della stazione di Aci Catena hanno arrestato i due rapinatori che nel febbraio scorso tentarono di rapinare l’agenzia dell’Unicredit di Aci Catena. In quella circostanza, un 48enne, del posto, incensurato, con il volto scoperto e armato di taglierino irruppe nella filiale minacciando l’impiegato per farsi consegnare il denaro in cassa. L’impiegato e il direttore della filiale riuscirono a dissuadere il malvivente spiegandogli che il quel momento il denaro non era disponibile perché custodito in una cassaforte a tempo.

Il rapinatore, secondo l’accusa, con l’aiuto di un complice, si allontanò immediatamente dal posto. Il quadro probatorio raffigurato dagli investigatori, peraltro pienamente condiviso dal magistrato inquirente, ha convinto il GIP del Tribunale di Catania ad emettere un’ordinanza di custodia cautelare, ai domiciliari, nei confronti dei presunti rapinatori.

Eseguita alla fine del mese di luglio, per Pietro Petralia, e stamani per il 48enne, catturato presso la propria abitazione. I militari nell’eseguire il provvedimento, si sono avvalsi della collaborazione dei Carabinieri della Compagnia d’Intervento Operativo del Battaglione “Campania”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento