Aci Catena, è morto il giovane colpito da un proiettile alla testa

Natale Licciardello, 26 anni, era stato ricoverato all'Ospedale Cannizzaro la settimana scorsa dopo esser stato colpito, per errore, da un proiettile esploso dalla pistola di un amico

Non ce l'ha fatta Natale Licciardello, 26 anni, ed è morto ieri all'ospedale Cannizzaro, dopo una settimana di ricovero nel reparto di rianimazione. Le condizioni del giovane era parse fin da subito gravissime. Colpito alla nuca da un proiettile esploso per errore, secondo la ricostruzione della procura, dalla pistola dell'amico Gianluca Gabriel Nicosia, Licciardello che era alla guida della sua auto, una Nissan Juke. in via Franca ad Aci Catena ha perso il controllo andando a sbattere contro una Renault Clio.

All'inizio era sembrato che le ferite riportate dal 26enne fossero una conseguenza dell'impatto, ma poco dopo i soccorsi si sono accorti che proprio vicino l'occhio di Licciardello era rimasta conficcata l'ogiva di un proiettile. A bordo con il ragazzo c'erano Nicosia ed un altro amico 19enne. I due dopo l'impatto sono scappati dall'auto portando via una borsa appartenente al giovane ferito. 

Gianluca Gabriel Nicosia fermato la sera stessa dell'incidente, si trova nel carcere di piazza Lanza. Adesso oltre che al reato di tentato omicidio, porto e detenzione clandestina di armi e ricettazione dovrà rispondere del reato di omicidio colposo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento