Aci Catena, maltratta e picchia i genitori per estorcere denaro

Le vittime sono state trasportate e medicate all'ospedale di Acireale

I carabinieri della stazione di Aci Catena hanno arrestato un 37enne per maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate ed estorsione. Ieri notte, i militari, su richiesta al 112 dal parte di un cittadino che ha segnalato una lite in famiglia, sono intervenuti in un’abitazione nel centro di Aci Catena.

I carabinieri nell’appartamento hanno trovato e bloccato l’uomo in un evidente stato di agitazione accertando che il predetto poco prima aveva aggredito a calci e pugni il padre e la madre, i quali avevano cercato invano di opporsi alle sue pretese di denaro.

Le vittime sono state trasportate e medicate all’ospedale di Acireale dove i sanitari gli hanno riscontrato diverse lesioni alle braccia ed alle gambe, giudicate guaribili in 7 e 5 giorni.

I carabinieri inoltre hanno appurato che il 37enne, già da alcuni mesi con atteggiamenti violenti, maltrattava e minacciava i familiari. L’arrestato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato associato nel carcere di Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento