Acireale: 2 arresti per fabbricazione e detenzione illecita di esplosivi

Gli arrestati erano sprovvisti di qualsiasi tipo di licenza di abilitazione al porto, alla detenzione, al trasporto o all’accensione del suddetto materiale esplodente. Il furgone era privo delle caratteristiche di sicurezza

Gli agenti del Commissariato Polizia di Stato di Acirale e del Nucleo Artificieri dell’U.P.G.S.P. hanno arrestato, in flagranza dei reati di trasporto e porto di “esplosivi di ogni genere … o altri congegni micidiali” (ex comb. disp. artt. 1 e 4, l. 2 ottobre 1967, n. 895), D.L. di anni 31 e F.C. di anni 28.

In particolare, intorno alle ore 19,00 del 19 gennaio - giornata di vigilia dei festeggiamenti di San Sebastiano - nel territorio di Aci Sant’Antonio è stato controllato un furgone con a bordo due soggetti, uno dei quali (D.L.) era noto alla polizia perché arrestato nei giorni precedenti per gravi violazioni delle norme sugli esplosivi. All’interno del mezzo è stato rinvenuto e sequestrato un consistente quantitativo di fuochi pirotecnici nonché altro materiale esplodente, per un totale di circa 300 Kg con una massa di prodotti attivi pari a 115 Kg.

Gli arrestati erano sprovvisti di qualsiasi tipo di licenza di abilitazione al porto, alla detenzione, al trasporto o all’accensione del suddetto materiale esplodente; inoltre, il suddetto furgone era privo delle caratteristiche di sicurezza previste dalla legge per il trasporto di materiale esplodente pericoloso (IV categoria della classificazione degli esplosivi). Inoltre, è stata accertata la mancanza di qualsivoglia autorizzazione prefettizia.

Il rinvenimento di un così ingente quantitativo di materiale esplosivo ha indotto gli operatori a effettuare la perquisizione del domicilio di D.L.: all’interno del garage è stato rinvenuto un migliaio di mortai del tipo utilizzato per lo sparo di fuochi pirotecnici.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento