Acireale, colpisce il vicino di casa con una mazza: arrestato insegnante di filosofia

L'aggressione è avvenuta al termine dell'ennesimo litigio per una servitù condominiale, una stradina in comune che permette l'accesso in casa. La vittima dell'aggressione è in gravi condizioni

Un insegnate di filosofia disoccupato di 47 anni, nato a Genova, ma di origini siciliane, è stato arrestato dai carabinieri di Guardia Mangano, frazione di Acireale, per avere colpito alla testa con una grossa mazza il vicino di casa, un bracciante agricolo in pensione di 66 anni.

L'aggressione è avvenuta al termine dell'ennesimo litigio per una servitù condominiale, una stradina in comune che permette l'accesso in casa. Dopo l'aggressione l'insegnate si è barricato in casa imbracciando un fucile che ha poi consegnato ai militari. Per arrestarlo si sono dovuti calare dal tetto sino a un cortile interno della sua casa. La vittima è stata ricoverata in prognosi riservata nell'ospedale di Acireale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento