Cronaca Acireale

Acireale, allarme spazzatura: scontro tra sindaco Garozzo e netturbini

Continua il problema della spazzatura ad Acireale. I netturbini, ormai da una settimana, reclamano la corresponsione dello stipendio di aprile e di una serie di arretrati contrattuali. Ma il Comune non sembra piegarsi al gesto di protesta

Continua il problema della spazzatura ad Acireale. I netturbini, ormai da una settimana, reclamano la corresponsione dello stipendio di aprile e di una serie di arretrati contrattuali. Ma il Comune non sembra piegarsi al gesto di protesta. "Avevamo chiesto un gesto di collaborazione che non c'è stato - ha detto il sindaco Nino Garozzo - I rifiuti per strada non sono quelli di un giorno di sciopero bensì quelli di tanti inadempimenti che volutamente sono stati perpetrati".

I netturbini,insieme ai sindacati, ieri sono scesi in piazza Duomo. E il sindaco Garozzo risponde al sit-in: "Il Comune non è debitore di alcuna somma né alcuna sentenza ha stabilito obbligazioni economiche da parte del Comune. Un tentativo di ottenere dal pubblico ciò che non è previsto: questo è irricevibile. E l'azione è una ulteriore dimostrazione di quanto abbiano a cuore le sorti della città. Pertanto, il sindaco, l'assessore, all'Ecologia, la Giunta, il presidente e il vicepresidente di Aciambiente saranno innanzi al cantiere di Acireale a manifestare il diritto della città a ottenere il servizio fatto per bene, perché retribuito, risultando insopportabile che le giornate di lavoro siano lo stesso pagate, ma il servizio non espletato di fatto".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acireale, allarme spazzatura: scontro tra sindaco Garozzo e netturbini

CataniaToday è in caricamento