menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Acireale, sequestrati 85 mila articoli tra maschere di Carnevale, giocattoli e luminarie “Led”

Tra i prodotti irregolari esposti per la vendita e detenuti in deposito sono stati rinvenuti maschere e giocattoli non conformi agli standard di legge a tutela della salute, della sicurezza dei consumatori e dell’ambiente

I finanzieri di Catania, nel corso di un intervento eseguito ad Acireale, presso un magazzino gestito da un soggetto di origine cinese, hanno sequestrato circa 85 mila articoli in vendita tra maschere di Carnevale, giocattoli e luminarie “Led” irregolari.

Tra i prodotti irregolari esposti per la vendita e detenuti in deposito sono stati rinvenuti maschere e giocattoli non conformi agli standard di legge a tutela della salute, della sicurezza dei consumatori e dell’ambiente.

In particolare, la maggior parte degli articoli sequestrati risultava priva della marcatura CE, delle previste indicazioni sulla loro composizione, qualità e origine; un’altra parte dei prodotti, invece, recava una marcatura CE ingannevole, costituita da un’etichetta asportabile, e, soprattutto, quelli destinati anche a bambini minori di tre anni erano del tutto privi di informazioni sui materiali utilizzati nella fabbricazione.

Il valore complessivo della merce irregolare sottoposta a sequestro è stimabile in oltre 7 mila euro e sono in corso accertamenti volti a risalire la filiera di acquisto per individuare, a monte, i produttori che hanno aggirato le previste regole di immissione in commercio. Il titolare della ditta sottoposta a controllo è stato segnalato alla Camera di Commercio di Catania per l’applicazione di sanzioni amministrative (da un minimo di 7 mila ad un massimo di 42 mila euro) previste dal Codice del Consumo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Probiotici: cosa sono e perchè fanno bene

Cura della persona

Pancia piatta? Ecco il massaggo fai-da-te

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento