Comune di Acireale: doveva essere al lavoro ma era fuori per il caffè, beccato grazie alla segnalazione di un collega

Il sindaco Roberto Barbagallo commenta: "Abbiamo nominato una commissione disciplinare che si occupa del caso. Come successe per i 15 dipendenti imputati dalla Procura di Catania l'anno scorso. Adesso la commissione deve applicare le norme"

Un altro caso di assenteismo al comune di Acireale. Qualche giorno fa un dipendente comunale è stato sospeso dalla commissione disciplinare. Il sindaco Roberto Barbagallo commenta: “Abbiamo nominato una commissione disciplinare che si occupa del caso. Come successe per i 15 dipendenti imputati dalla Procura di Catania l’anno scorso. Adesso la commissione deve applicare le norme”.

A ricostruire la vicenda è Giovanni Spinella, dirigente del Settore Affari Istituzionali del Comune che, nella determina, scrive: “Alle ore 13:25 del 29/12/2016 venivo informato circa l'allontanamento dal proprio posto di lavoro del dipendente in oggetto, in servizio presso l'Ufficio Notifiche, con segnalazione telefonica effettuata da un dipendente del Centro Direzionale Comunale di Via Degli Ulivi. Verificato dall'apposito sistema on -line che il dipendente citato con la qualifica di messo notificatore, dopo aver timbrato l'uscita per servizio alle ore 09:04 rientrava alle ore 10:53”.

LEGGI LA DETERMINA ---> N. 191 del 30.12.2016-2

Il giorno dopo, il 30 dicembre 2016 il comandante dei vigili urbani nella sua relazione scrive di aver inviato una pattuglia nell'ufficio del dipendente, la quale alle ore 13.45 ha constatato l'assenza dello stesso dipendente che veniva visto giungere dall'esterno, timbrando alle ore 14.35. Il dipendente, a domanda dichiarava di essere uscito per consumare un caffè.

Dalle verifiche messe in atto è risultato che il dipendente giorno 29 dicembre ha timbrato il rientro dal servizio alle 10:53 ma alle 13:45 i vigili urbani non lo hanno trovato in ufficio. Questo è bastato per cogliere il dipendente in flagranza per falsa attestazione della presenza in servizio. L’impiegato si trova adesso in stato di sospensione e senza stipendio, come sancito nella determina dell’ufficio Affari istituzionali del Comune di Acireale. Il dipendente avrà ora tempo fino al 17 gennaio per presentare le sue motivazioni all’ufficio provvedimenti disciplinari del Comune.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento