Acireale, trovate due bottiglie di benzina dentro l'ufficio comunale dei tributi

"Ci sono tutti gli elementi per pensare ad un atto intimidatorio nei confronti della linea adottata dall’amministrazione. Solo pochi giorni fa avevamo annunciato un’ulteriore riduzione della Tari" afferma il Sindaco

Il pavimento cosparso di liquido infiammabile e due bottiglie vuote sono stati trovate stamattina nella sede dell’ufficio tributi del Comune di Acireale. Lo rende noto il sindaco, Roberto Barbagallo, che si è recato sul posto con il dirigente e il responsabile dell’ufficio e i carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Secondo quanto abbiamo ricostruito con le forze dell’ordine, che hanno eseguito tutti i rilievi utili, sembra che nel corso della notte ignoti si siano introdotti dalle finestre del piano terra. Ci sono tutti gli elementi per pensare ad un atto intimidatorio nei confronti della linea adottata dall’amministrazione. Solo pochi giorni fa avevamo annunciato un’ulteriore riduzione della Tari, il 20% rispetto allo scorso anno. Il bel risultato non è solo frutto dell’aumento della percentuale di raccolta differenziata, ma della lotta serrata per scovare gli evasori. Gli Uffici comunali hanno fatto e fanno controlli incrociati precisi per recuperare il dovuto di tanti che non erano abituati a contribuire. Ci dispiace se questa risolutezza a qualcuno non piace, ma si deve pagare tutti per pagare meno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento