menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Acireale, affiliati al clan Santapaola "imponevano" ambulanze e ditte funebri

L'attività d'indagine ha avuto origine da alcuni accertamenti effettuati dai militari dell'Arma finalizzati all'individuazione degli autori di una serie di rapine perpetrate ai danni di alcuni esercizi commerciali ubicati nei comuni di Catania, Aci Catena e Riposto

Nel corso della notte i carabinieri del nucleo operativo di Acireale hanno dato esecuzione a sei provvedimenti restrittivi emessi dal Gip di Catania, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di altrettante persone ritenute, a vario titolo, responsabili dei reati di estorsione e violenza privata, aggravati per aver commesso i fatti avvalendosi delle condizioni previste dall’art. 416 bis c.p., in quanto finalizzati ad agevolare il gruppo mafioso “Santapaola-Ercolano”.

I soggetti colpiti dalla misura sono Stefano Sciuto di anni 31, pregiudicato, Camillo Brancato di anni 37, pregiudicato, C. G. di anni 48, C. S. di anni 42, Calogero Paolo Polisano di anni 45, pregiudicato e Cirino Cannavò di anni 41, pregiudicato.

L’attività d’indagine traeva origine da alcuni accertamenti effettuati dai militari dell’Arma finalizzati all’individuazione degli autori di una serie di rapine perpetrate ai danni di alcuni esercizi commerciali ubicati nei Comuni di Catania, Aci Catena e Riposto.

Emergeva immediatamente che, tra le tante attività illecite svolte dal gruppo preso in esame, il principale interesse criminale aveva quale scopo il controllo e la gestione di alcune attività economiche connesse indirettamente all’espletamento dei servizi svolti dal Presidio Ospedaliero Santa Marta e Santa Venera di Acireale: si fa riferimento, in particolare, al servizio di trasporto, per il tramite delle ambulanze dell’associazione onlus “Il Gabbiano”, delle salme di soggetti appena deceduti all’interno del Presidio Ospedaliero nonché l'organizzazione del relativo servizio funebre per mezzo del collegamento con la ditta "'Onoranze funebri Grasso" di Catalano Claudio Nelson – ditta larvatamente imposta dagli indagati ai privati e ai familiari del defunto che avevano necessità di tale servizio - con successiva divisione degli utili.

LA NOTA DELL'AVVOCATO DI NELSON

Gli stessi medici, poi, venivano costretti, in numerose occasioni, attraverso larvate intimidazioni, ad effettuare in favore di soggetti vicini al clan “Santapaola”, ovvero di loro parenti ed amici, prestazioni sanitarie esenti dal pagamento del ticket, in quanto effettuate in regime di pronto soccorso, e che però non sarebbero state effettuabili in tale sede per assenza delle necessarie condizioni di urgenza.

Attività illecite che richiedevano la costante ed assidua presenza di soggetti riconducibili all'associazione 'Il Gabbiano" presso il nosocomio giacché solo in tal modo, grazie anche alla complicità di alcuni operatori dell'ospedale, gli stessi, aggirandosi continuativamente per i reparti nonostante i divieti imposti dai sanitari, venivano a conoscenza dell'imminente o appena avvenuto decesso di un paziente presso il cui capezzale si recavano così ottenendo, dai familiari dei deceduto, a volte con una sorta di imposizione, l'incarico di effettuare il trasporto a casa e, quindi, il funerale del deceduto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Ingrassare: i periodi nei quali lo si fa 'naturalmente'

Giardino

Piante: perchè tenere in casa la Dracaena Fragrans

social

Bonus Tv 2021: come richiederlo ed ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Confcommercio Fipe: "Basta dall'1 febbraio riapriamo"

  • Formazione

    Lavoro: le figure professionali più ricercate dalle aziende

  • Meteo

    Meteo, da una inusuale estate all'inverno in solo 7 giorni

Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento